Platone e la meraviglia

Nei libri che leggiamo c’è sempre un momento memorabile, un istante di bellezza che rimane scolpito nel nostro immaginario

.«La meraviglia è il principio di ogni filosofia». Questa frase la incontriamo nel dialogo platonico il “Teeteto” e l’ho utilizzata come dicitura iniziale del blog AmicoProust.
Ad una prima lettura appare come una frase abissale, al pari di tutte le asserzioni dei filosofi antichi. Nei libri che leggiamo c’è sempre un momento memorabile, un istante di bellezza che rimane scolpito nel nostro immaginario. La sensazione è quella di aver compiuto un balzo in avanti nella comprensione delle cose. A questo breve articolo affido l’essenza di quella frase, per come l’ho compresa e assimilata.

C’è qualcosa nell’arte, come nella natura, che ci rassicura e qualcosa che invece ci tormenta, ci turba. Ci rassicura la distesa di un prato verde pieno di fiori, un cielo azzurro terso. Ci turba l’immobilità di un lago, la violenza di una tempesta; ci placa la bellezza di una statua greca: di Fidia o la Venere di Milo. Ci sgomenta il “Monaco…” di Friedrich solo dinanzi all’immensità del mare.
Due sentimenti eterni in perenne lotta: la ricerca dell’ordine e il fascino del caos, dentro questa lotta abita l’uomo, ci siamo noi tutti. Ordine e Disordine. Cerchiamo regole, forme, canoni ma non cogliamo mai il reale funzionamento del mondo. La vera forma di tutto ciò che è fuori di noi, come di tutto ciò che è dentro di noi è per gli uomini un eterno mistero, l’incapacità di risolvere questo arcano ci terrorizza, ci costringe a oscillare tra la ricerca di un’armonia impossibile e l’abbandono al caos.

Quando ci accorgiamo del divario che vi è tra noi e il mondo, tra noi e noi, tra noi e “dio” allora scopriamo che possiamo ancora provare stupore (“la meraviglia“), che possiamo gettare uno sguardo intorno a noi come se fossimo davvero capaci di vedere il mondo e tutto ciò che racchiude per la prima volta. Ed è solo e soltanto così, che riusciamo a far sempre nuove le cose (Il principio).

.

Giuseppe Cetorelli

Share Button
More from Giuseppe Cetorelli

Varlam Šalamov: il sangue della Kolyma

Una vera e propria epopea dell’umano: da una terra gelida e insanguinata...
Read More

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.