L’Hiv esiste davvero?

L'Aids sarebbe solo un crollo del sistema immunitario dovuto ad agenti patogeni, mentre la mortalità è spesso causata dalle terapie sanitarie

Questa volta parleremo dell’esistenza o meno del Virus dell’HIV, considerato dalla scienza ufficiale la causa dell’AIDS. Si, la sparo così, alla prima riga, senza giri di parole, tanto per preparavi un po’.

Naturalmente, come non mai, vi linkerò fonti e approfondimenti ribadendo per l’ennesima volta che questa rubrica tenta di riportare notizie e informazioni cercando di tenere, ove possibile, la giusta distanza di critica personale. Questa rubrica vuole essere d’aiuto alla formazione di un opinione, cercando di non fornirne di preconfezionate.

Detto ciò, posso subito dire che colui che solleva il dubbio sulla correlazione Hiv-1=AIDS e sull’esistenza stessa del retrovirus Hiv-1, non è un complottista rettiliano, ma il prof. Peter Duesberg.

Peter H. Duesberg è uno scienziato statunitense, attualmente docente di Biologia Molecolare e Cellulare presso l’Università di Berkley in California, ed è considerato uno dei più grandi biologi cellulari del mondo. “Con i suoi lavori sui retrovirus nel 1970 egli isolò il primo oncogene, e mappò la struttura genetica di questi virus. Con questi studi, e altri nello stesso campo, ottenne l’elezione alla National Academy of Sciences nel 1986” -Fonte Wikipedia.

 

Sia ben chiaro da subito che Duesberg non nega l’esistenza della malattia AIDS”, ma rivela dai suoi studi che il crollo del sistema immunitario è dovuto a:

denutrizione e condizioni igieniche carenti (inesistenti in Africa),

– costumi sessuali fuori dal normale (decine di partner diversi alla settimana),

– consumo di droghe pesanti,

– frequente trasfusione sanguigna,

– assunzione di farmaci immuno-tossici, come quelli chemioterapici.

Se pensiamo che il virus dell’Hiv non è mai stato isolato, e che addirittura un premio Nobel come il dott. Kary Mullis si è sbilanciato nel dire: «If there is evidence that HIV causes AIDS, there should be scientific documents which either singly or collectively demonstrate that fact, at least with a high probability. There is no such document». (Sunday Times).

La voglia di approfondire quasi ci viene automatica.

 

Non possiamo sviscerare per motivi di spazio tutta la complessa teoria di Duesberg, ma già con una esemplificativa tabella riassuntiva (presa da un sito di sostenitori dello stesso) potremmo schiarirci un po’ le idee:

1. La posizione ufficiale:

– il virus HIV è la causa dell’AIDS, che è quindi una patologia infettiva.

– un test individua la presenza degli anticorpi e quindi del virus.

– il virus può avere un periodo di latenza fino a decine di anni.

– i sieropositivi (positivi-al-test) si ammaleranno e moriranno

– i farmaci antiretrovirali (AZT in testa) combattono la diffusione del virus e allungano la vita.

– alcuni sieropositivi non hanno sintomi perché il virus è latente.

– anche i sieropositivi asintomatici devono prendere i farmaci quanto prima.

 

2. La posizione dei dissidenti:

– il virus HIV non è stato mai isolato, probabilmente neanche esiste, l’AIDS non è causato da un virus e non è quindi una patologia infettiva.

– l’AIDS è causato da un complesso di fattori (droghe pesanti, superesposizione ad agenti patogeni, farmaci) fortemente presenti in certi stili di vita, che alla lunga distruggono il sistema immunitario.

– i test HIV non sono specifici e non è chiaro che cosa individuino.

– la risposta positiva al test non è indice di niente e non giustifica alcuna terapia.

– i farmaci antiretrovirali sono inutili in quanto non c’è nessun virus da combattere, e soprattutto letali perché possono portare alla morte in pochi mesi distruggendo in particolare il sistema immunitario.

– i malati di AIDS devono sospendere l’esposizione ai fattori patogeni, curarsi per le patologie specifiche di cui soffrono, seguire nel contempo terapie di sostegno per consentire al loro sistema immunitario il recupero.

– i farmaci antiretrovirali hanno trasformato in malati di AIDS individui altrimenti sani che hanno avuto la sfortuna di risultare positivi-al-test.

In altre parole i dissidenti accusano l’establishment sanitario di adottare terapie che:

non curano i malati “veri” di AIDS ma anzi ne affrettano o ne causano la morte.

– portano alla malattia e/o alla morte per AIDS malatiinventati“, soggetti sani risultati positivi-al-test. (Fonte: ilvirusinventato.com).

 

Volendo semplificare ancor di più il pensiero di Duesberg, potremmo dire che un malato di AIDS asintomatico è un malato solo perché un test ha dato esito positivo non per aver trovato un virus (che non è mai stato isolato, quindi individuabile) ma dei sintomi, e la sua positività lo porta all’inizio di cure che non fanno altro che distruggere il sistema immunitario causando quello che comunemente chiamiamo Aids. Altri ancora invece, si ammalano direttamente di Aids per i motivi precedentemente riportati, e non per una trasmissione sessuale, ematica o fetale.

Di certo le tesi di Duesberg sono molto discutibili, anche perché, in molti sostengono che il virus sia stato isolato, che la trasmissione è dimostrata dalle statistiche sui malati e via dicendo, che è poi ciò che normalmente ci viene spiegato da anni. Di certo, il fatto che Duesberg, dopo essere stato diffamato, insultato e criticato sia tornato alla sua ricerca sui tumori e da anni non scriva più aggiornamenti sulle sue tesi, ci fa pensare (come lui stesso sottolinea nel suo libro “Il virus Inventato” – Baldini e Castoldi) che si preferisca di più stanziare fondi per ricercatori che accettano le tesi ufficiali, che per coloro che sollevano dubbi per cercare vie alternative ad una malattia reale ed incurabile.

 

Vorrei che questo articolo fosse solo uno spunto per approfondire questo vasto argomento, che potrebbe cambiare qualche punto di vista e qualche certezza. Per questo, non tiro conclusioni, ma vi aggiungo dei link selezionati da cui iniziare per farvi dei critici e costruttivi dubbi.

 Marco Caponera

.

.

.

http://www.ilvirusinventato.it/#ricerche

http://www.duesberg.com/

http://www.ibs.it/code/9788880893820/duesberg-peter-h/aids-il-virus-inventato.html

http://it.wikipedia.org/wiki/Peter_Duesberg

AIDS, la grande balla dell’HIV


Share Button
Written By
More from Marco Caponera

Porno Garage

La noia stantia che si amplifica nella mediocrità
Read More

7 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.