V per Vetrina – opening party @ Locanda Atlantide (Roma)

La vendetta della musica indipendente ed emergente italiana

La Vetrina torna con il suo opening party alla Locanda Atlantide, nel cuore di San Lorenzo, ricordandoci che la musica emergente ed indipendente italiana non riesce a morire mai.

La serata si divide in due palchi, il Main Stage e l’Acoustic Stage, sui quali si divide e si unisce il gusto musicale di tutti in un’unica grande festa.
La line up è ricca e ben equilibrata e gli artisti sono pronti a regalarci una notte di musica di stampo italiano, quello puro e nostrano.

Di primo impatto non possiamo certo negare di trovarci al centro di un evento che si mostra come un manifesto identitario di un’italianità che non dovremmo perdere mai, seppur contaminata di ampi respiri esteri. Il pubblico, gli artisti, uniti tutti dalla fierezza di partecipare a qualcosa che sostiene ciò che c’è di bello in Italia e non solo per quanto riguarda chi ha fatto la storia della nostra musica, ma anche di chi ne porta alto il nome nel ricco ambiente indipendente, creando il proprio stile sulla base degli echi del passato.

Per questo party di apertura troviamo un forte Main Stage grazie alla partecipazione dei Mulholland Drive, a cui è affidato il compito di aprire il palco principale, il rock- alternative degli X-Aphrodite, l’irresistibile flow delle Officine Funky e la forza di Johnny Dalbasso, eccezionalmente accompagnato dalla batteria di Fabrizio Campomori (Madafunk).

La bella sorpresa è però riservataci dall’Acoustic Stage, che raccoglie la parte più intima della serata intervallando quella più esplicitamente carica della sala accanto. Iniziando da Andrea Laterza, che cattura da subito l’attenzione dei presenti, si passa alla splendida voce di Claire Audrin, poi il convincente duo acustico de Le Larve, si chiude infine in ottima compagnia con il set di Gianmarco Dottori (con la partecipazione di Davide Dose, apprezzata soprattutto per il bel regalo della cover di “Anna e Marco” di Lucio Dalla).

In conclusione, una buona apertura per un collettivo che con questa iniziativa si propone di aiutarci ad ascoltare uno dei lati più belli del nostro paese, la nostra voce in musica. Impossibile non supportarlo.

 

Arianna Franzolini

Foto: Sofia Bucci

.

.

14691084_362833960733864_1180296111603944727_n

 

Share Button
More from Arianna Franzolini

Notre Dame de Paris, una pagina di diario

La brillante speranza nei sogni di bambina, ancora oggi
Read More

5 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.