Le fiabe riviste e corrette di Alessandro Nutini

Improvvisamente una presentazione improvvisata. Benissimo

Se quello che sei un po’ è anche come ti vedono gli altri allora probabilmente dovrei preoccuparmi.
Almeno un po’.
Ero con LaRossa in piena “operazione regali” con un tempo degno di un noir nordico e la previsione di una serata che avrebbe ad un certo punto compreso il recupero della LaGeometrica e una presentazione del libro del BatteristadellaBandabardò al locale del Cavalier Tommaso il Buono dell’ordine dei Santangelinvadesi.
Mi viene fatto notare nel tardo pomeriggio che la ASRoma avrebbe giocato in probabile concomitanza con la presentazione (di cui ignoravo l’orario). Purtroppo continuo a tenere gli eventi e gli impegni su linee temporali scisse e separate, come se potessi disporre del tempo a mio piacimento.
Purtroppo non è così.
Chiamo dunque Tommaso detto il Buono.
«Sir Tommy, a che ora è la presentazione stasera?».
«Tra due ore».
«Ah, allora devo sbrigarmi, che sto’ a più di un’ora dal locale e c’è un tempo da lupi, neve per strada».
Lo sento che tentenna: «Dimmi Tommy».
«No, è che Alessandro Nutini avrebbe chiesto qualcuno che possa fare da mediatore».
Lui sottende, confidando in un’intuizione da parte mia.
Che non arriva… perché sono perso a pensare alla parola “mediatore”, ad un certo fascino e sulla legittimità dell’uso in quella circostanza.
«Quindi Nick, volevo chiederti…».
A quel punto “ovviamente” capisco, provo ad obiettare timidamente che non ho letto alcun libro dell’autore, che sono vestito per fare shopping e non per condurre un’intervista, che… bo’… alla fine non ho trovato obiezioni convincenti neanche per me, figurati per lui, quindi accendo un cero al santo dell’improvvisazione e accetto.
Dopo molti chilometri e tantissima acqua in svariate forme dello stato della materia arriviamo al locale dove ho modo di conoscere Alessandro che in realtà è in zona perché suonerà nel giro di qualche ora con la sua altra band General Stratocuster and the Marshals, concerto organizzato da Sir Tommaso il Buono (è sempre bene ricordarlo).
Alessandro si dimostra da subito estremamente cordiale e gentile, mi racconta della genesi del libro, partendo dal precedente libro con il fil rouge della beneficenza (prima per l’istruzione di alcune comunità nel Chapas e ora per l’inserimento sociale di persone affette dalla sindrome di Down) e con tutto quello che forse non c’era da sapere ai fini della presentazione ma che sono contento di aver sentito per avere un chiaro quadro del personaggio e della situazione, e sono molto contento di aver sentito tutta la storia. Oltretutto alla fine della chiacchierata sono seriamente curioso di leggere le fiabe selezionate riproposte in chiave comica e grottesca (perché questo fa Alessandro Nutini nel libro). I compagni di ventura di Alessandro, i General Stratocuster and the Marshals partecipano alla conversazione e la tavolata è allegra e più che piacevole, la presentazione risulta la logica conseguenza e fila via liscia, quasi come se fosse stata preparata, ma in questo la bravura è stata di Alessandro che, istrionico, simpatico e geneticamente fiorentino, riesce ad essere serio e scherzoso insieme avendo sempre il pubblico divertito dalla sua.
Dopo i saluti di rito, una promessa da parte di Alessandro di venire a presentare anche alla rassegna estiva che riorganizzerò con i miei sodali (se ancora mi sopporteranno), LaRossa e LaGeometrica mi conducono dove posso vedere la Roma sbagliare un rigore, rassegnarmi ad un altro pareggio e poi esultare per una palla che carambola nella rete quando tutto sembrava ormai deciso. Poi la Geosister ci chiama per dirci che sta facendo metri cubi di neve e che se non ci sbrighiamo a rientrare se ne parla per la mattina dopo.
Ovviamente non era vero, ma lo scopriamo troppo tardi.
La mattina seguente, con caffè caldo e stufa accesa inizio a leggere il libro di Alessandro Nutini: “A proposito del rospo. Fiabe riviste e corrette, per bambini cresciuti ed adulti burloni“… e devo dire che è veramente brillante e divertente, un po’ come lui, quindi non posso che consigliarne caldamente l’acquisto; i dettagli li trovate qui..

.

Nicholas Ciuferri

Share Button
More from Nicholas Ciuferri

The Tale of Tales [Recensione]

Fantasy italiano per produzione internazionale. Si può fare?
Read More

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.