ZU con Mats Gustafsson @ Monk (Roma) – 06/2018

Il concerto degli  al circolo Monk è stato a dir poco entusiasmante. La band romana che nel corso dei suoi oltre 20 anni di carriera è riuscita a portare in giro per il mondo il suono duro e fastidioso delle strade romane.

Le vie del centro con il loro traffico, lo sbattere degli zoccoli fuorimoda dei turisti sui sampietrini e il loro vociare, le grida dei ragazzini che si rincorrono vicino a fontane che scrosciano acqua. Le periferie con il disagio che cade da palazzi fatiscenti, stracci appesi ad asciugare e da giardinetti lasciati in mano ai tossici.
La campagna ai tre lati di Roma usata come discarica e il litorale di Ostia dove le onde si infrangono sporche su una spiaggia non ancora troppo deturpata.

Ma anche un mondo fuori del raccordo di suoni e di emozioni, di immistioni nazionali e di altri Paesi. Tutto questo, e molto più, usciva dai sax (vedi il sassofonista Mats Gustafsson, una delle personalità più autorevoli del free jazz scandinavo), dalla batteria e dal basso degli .

C’era chi ballava, chi si dimenava, c’era chi era fermo impassibile, c’era chi ascoltava, c’era chi chiudeva gli occhi, c’era chi strillava in trance agonistica.

E poi ci eravamo noi di UkiZero, attenti ascoltatori e grandi sognatori che anche questa volta abbiamo assistito a un vero e proprio miracolo musicale. Per una volta tutto italiano. Che va in scena da oltre vent’anni. Un miracolo che si chiama .

.

Gabriele Edoardo Mastroianni

Share Button
More from Gabriele Edoardo Mastroianni

(I was) Fine Before You Came

Un racconto extrasensoriale evocato dal live dei Fine Before You Came
Read More

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.