Wosai: fuori il singolo che anticipa l’album

Le melodie catchy e le voci frammentate architettano ritmiche coinvolgenti, nel videoclip l’eterogeneità delle loro influenze si riconduce a un solo sound originale molto interessante

Sospensione caotica controllata”. Una definizione quasi ossimorica, ma che rende molto bene l’idea alla base del nuovo singolo dei Wosai, dal titolo “It takes over you” , che anticipa il loro disco d’esordio, sotto etichetta Toys For Kids Records.

Due fratelli costituiscono il gruppo, Giovanni e Andrea Brugaletta, “di sangue siciliano trapiantato a Siena”, e la loro tecnica e preparazione sono evidenti sotto più punti di vista. Musicale, certamente: sebbene apparentemente soverchiate da una base elettronica ossessiva, ammiccante alla dubstep, ad un ascolto più mirato la passione per generi molto più “analogici” come il Nu Soul, il Jazz e l’R n’B emerge prepotente tra le trame del brano.

Ma non solo, ed è il video di promozione a dimostrarlo. Semplice, eppure diretto ed estremamente centrato: corpi solitari, presi parallelamente nel dinamismo di attività quotidiane, ma che quasi “nuotano nell’aria” (per citare altri artisti, di genere ben differente), rompendo un equilibrio che sembrava implicitamente prestabilito. Con il passare dei secondi, la musica si evolve, così come il parallelismo stesso. I percorsi melodici e ritmici che prima sembravano indipendenti iniziano ad avvicinarsi, a completarsi a vicenda, a sovrapporsi: dunque moto, ordine e caos al tempo stesso, dove la fisicità irruenta si scontra con il silenzio intorno, in una sorta di “futurismo in slowmotion”. Di nuovo, la “musica per immagini” risulta estremamente potente, evocativa ed efficace. Un invito all’ascolto senza dubbio molto interessante, da cui gli appassionati di sperimentazioni musicali non potranno che essere attratti.

.

Federico Ciampi

> FACEBOOK

Share Button
Tags from the story
, , , , ,
Written By
More from ukizero

L’oppio dei popoli e il raccapriccio col pulsante

L'indignazione a comando dei frustrati... ignoranti!
Read More

4 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.