Spartito Gastronomico: Riso rosso, vongole e mirtilli

Un ricettario di buon gusto con una sinfonia di accordi culinari, per uno stile CoUKIsound di piatti inediti!

La Rubrica vuole essere un mix di musica e cucina. Questa nasce dal voler accordare la musica alla buona cucina, suggerendo ai lettori dei succulenti brani, facili da ri-comporre e in grado di accontentare/conquistare/accostare l’orecchio e lo stomaco più raffinato. Canteremo di ricette e armonie di ingredienti, capaci di toccare le note di ogni palato. Cercando di raggiungere ogni volta una tonalità più alta

 

Sperimento qualche accordo tra ingredienti apparentemente lontani. Lo assaggio e mi godo un piatto strepitoso che risuona di dolcezza acidula, piccantino e di pesce al tempo stesso. Cos’è che penso? Che è il candidato perfetto per un buon ukilizzo. E allora tutti pronti con le bacchette in mano per un rullo di sapori fruttati e speziati.
Questo pezzo è ideale per chi ha problemi tecnici con colesterolo (grazie al riso rosso) e ipertensione (dato il basso contenuto di sale)… perché come ricorda Leonardo Angelucci dobbiamo stare tra «quelli che attenti al sale, che la pressione sale…».

Tracklist:

70 g di riso rosso
250 g di vongole sgusciate congelate (100 g sgocciolate)
Peperoncino (un pizzico )
Zenzero fresco (una grattugiata)
Mirtilli neri (una manciata più quelli per decorare la copertina del disco)
1 spicchio d’aglio
Sale per il riso

Soundtrack:

Iniziamo a suonare le vongole con un po’ d’acqua all’interno di una padella. Armonizziamole con un pizzico di peperoncino e una strimpellata di zenzero fresco. Perché noi ci cuciniamo, mica come te che ci «prepari infusi allo zenzero».


Lasciamo a registrare il tutto per 5 minuti circa.
Nel frattempo mettiamo a bollire l’acqua per il riso con un pizzico di sale.
Non appena risuonerà alle nostre orecchie, buttiamo giù il riso e attendiamo 20 minuti la cottura.
Cosa manca? Ah, sì, i mirtilli! I mirtilli?? Certo! Non trovate sia noioso trovarli abbinati solo a cose dolci, tipo «la sfoglia di mirtilli con cappuccio»?

A noi piace sperimentare sempre nuovi sound dal gusto “interstellare” che ci porterà a «partire per lo spazio» del sapore, «che si perde nel blu» dei mirtilli.

Quando si tratta di cucinare non puoi distrarti un attimo e devi pensare ad orchestrare più di «sette cose contemporaneamente» come ricorda Angelucci.

Ebbene, aggiungiamo quindi una manciata di mirtilli al condimento di vongole, lasciandone alcune da parte per non sfigurare con gli ospiti nella nostra mise en place.
Accordiamo il riso «profondo e rosso come Dario» alle vongole ai mirtilli.

E un altro pezzo è inciso a puntina (di giradischi).
Adesso vi voglio tutti ai fornelli, con le “cuffiette” alle orecchie e la uki playlist. Di certo non avrete da dire «sono stufo di te» a questo piatto polisinfonico.

.

Curiosità sul riso rosso

Il riso rosso è una varietà di riso integrale a chicchi lunghi, ricco di fibre e con un elevato contenuto di sali minerali come fosforo e magnesio che lo rendono prezioso per le ossa.
Le sue origini sono orientali, più esattamente in Indonesia e Thailandia, ma troviamo coltivazioni di esso anche nella nostra Pianura Padana e nel sud della Francia.
Si tratta di un riso dal colore rosso scuro, che nasce in terreni argillosi e spesso allo stato selvatico, che gli conferisce un sapore aromatico inconfondibile. Il riso rosso è un prezioso alleato del nostro organismo, in quanto apporta sia carboidrati che proteine vegetali.
È da considerare utile per le sue proprietà antiossidanti e in quanto integrale, favorevole ad un corretto funzionamento intestinale. Consigliatissimo per tenere sotto controllo i valori del colesterolo e dei trigliceridi nel sangue, soprattutto se abbinato ad alimenti o integratori alimentari di omega 3.
Il riso rosso viene inoltre utilizzato per ridurre il rischio di obesità e a tenere bassa la glicemia.

Curiosità sui mirtilli

Si tratta di piccoli frutti dalle grandi proprietà. I mirtilli sono potenti antiossidanti naturali grazie alla presenza delle antocianine, delle sostanze appartenenti al gruppo dei flavonoidi.
Sono spesso consigliati per sfiammare l’intestino (soprattutto in caso di diarrea e ulcere) e per chi soffre di problemi a livello di circolazione del sangue, gonfiore alle gambe, crampi varici e altre problematiche a livello circolatorio, che si intensificano con la stagione calda.
In questi casi si consiglia di consumarli freschi stando sempre attenti a scegliere quelli di provenienza biologica, a causa dell’uso smodato di pesticidi. Nel caso non fosse sufficiente, bisognerà ricorrere invece agli integratori con alta concentrazione dei principi attivi.
Ricchi di vitamine soprattutto del gruppo C, A e del gruppo B, acido folico in particolare.
Ottime notizie per le donne, sempre in lotta con la ritenzione idrica: l’elevato contenuto di acqua presente in essi, aiuterebbe a favorire la diuresi oltre che prevenire cistiti e infiammazioni alle vie urinarie.
Che dire? Uno straordinario concentrato di vitamine, sali minerali e acqua per il benessere di tutto il corpo, da consumare in grandi quantità e senza temere effetti indesiderati per la forma fisica.

Un saluto alla mia «clientela d’alta classe affezionata» che non si stanca mai di volare tra i sapori, le melodie e il benessere offerti da ukizero per farci viaggiare lontano da qui.

 

Veronica Mochi

Share Button
Written By
More from ukizero

Se la “politica” dell’Isis fosse il vero asso nella manica del califfato..

Il fenomeno Isis altro non è che l'ultimo colpo di coda del...
Read More

9 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.