Spaghetti Night @ Largo Venue (Roma) – 11/2017

Spaghetti Unplugged ha inaugurato il suo "Night Party": una festa all’insegna della musica dal vivo con alcune tra le band più interessanti del panorama italiano. L'appuntamento è stato un emozionante evento di 'musica emergente', e non solo...

Gli spaghetti. Sì, c’erano davvero gli spaghetti al party dello Spaghetti Night del 10 novembre scorso. Qualcuno li ha messi sul bancone appena finita l’esibizione dei La Municipàl, intorno all’una di notte, e noi, prima che se ne accorgessero tutti, ci siamo fiondati con una fame atavica a quel bancone e ci siamo riempiti i piattini. Girare per Largo Venue con gli spaghetti ajo e oio invece che col cocktail ci ha fatto sentire bimbi speciali e soprattutto ha placato quella fame che avevamo fin da prima che iniziasse la serata.

È con un bicchiere di vino in corpo che quindi abbiamo visto e sentito un giovane ed emozionato Andrea Nabel aprire le danze. Il cantautore pugliese, bolognese di adozione, ha colpito molto per la voce, calda e capace di estensioni interessanti, mentre per la tenuta del palco e per l’abilità di scrivere pezzi davvero coinvolgenti aspettiamo che i tempi diventino più maturi.

La Scala Shepard sembra invece avere il carisma necessario per scaldare la serata: si divertono e divertono, si scatenano e dimostrano una certa personalità anche quando fanno i conti con un pezzo storico di Samuele Bersani, “Chicco e Spillo”, che portano ad un ritmo ancora più veloce e scalmanato.

Le note dolenti arrivano, però, ed arrivano proprio col gruppo di punta della festa: La Municipàl. Carmine e Isabella Tundo sono giovani, hanno belle voci e anche belle idee, ma dopo i primi tre o quattro brani la voglia di stare ad ascoltarli inizia già a scemare e a fine concerto rimane poco, se non la sensazione di qualcosa che vorrebbe entusiasmare ed esaltare, ma non riesce nell’intento.
La musica di questa serata sarà stata pure acerba, ma è così che si cresce, no?

 

Ilaria Pantusa

Foto: Luca Brunetti

Share Button
Written By
More from Ilaria Pantusa

Ilaria Graziano e Francesco Forni: la leggerezza, la passione e l’equilibrio

L'album "Twinkle Twinkle" coinvolge con i suoi contrasti e chiaroscuri
Read More

5 Comments

  • CONCORDO CON ILARIA PANTUSA CHE LA SCALA SHEPARD SONO FANTASTICI .LA MUNICIPAL IN EFFETTI ARRIVANO DI PIU’ SU DISCO,MA LI TROVO MOLTO INTERESSANTI…. COMUNQUE UNA FESTA DI SPAGHETTI SI VIVE SEMPRE CHE E’ UNA BELLEZZA !!!

  • Un bel posto Largo Venue…!
    La prima volta l’ho cercato sullo stradario di Roma…ma ero scettico…sto a Roma dalla nascita e non avevo mai sentito di un Largo denominato Venue…ma ‘n do’ sta…nun esiste…poi ho realizzato è un locale…mica un largo…però se chiama Largo…Largo Venue…che sarebbe Largo Luogo…strano eh? Però è proprio un bel Luogo…!
    Annatece…!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.