Se tanto mi da Tito @Init -live report

Quell’alchimia tipica dei Tito & Tarantula, quel mix leggero e potente di puro rock con echi sudamericani e mariachi, caldi e ballerecci

Di lunedì sera non t’aspetti la fila fuori al locale, e se la trovi, capisci subito che non sta per suonare il solito gruppetto.

Che anche chiamarlo gruppo (o “band”, se siete fichi) è difficile, perché Tito Larriva è la vera band, le tarantule che gli stanno attorno spesso muoiono per essere poi sostituite con altre -vi basta andare su YuoTube e cercare qualche video per rendervi conto di quanti componenti sono cambiati nel corso degli anni- ma sempre all’altezza del caso.
L’Init stasera ha fatto il botto, tanto che la barista sembra sull’orlo di una crisi di nervi perché tutti vogliono una birra d’ordinanza per l’arrivo sul palco di quel tizio là, si, quel signore grassoccio con un cappello a cilindro rosa, occhiali da sole, attorniato da quattro ragazzini (due, ragazzine).
Silenzio. I nuovi componenti non sembrano male, ma l’inizio non è un granché, forse sono i pezzi ad essere un po’ mosci, o forse è solo una questione di Diesel.
Ed è così.
Dopo tre-quattro pezzi, ecco che si parte, Tito inizia a scaldarsi, a stendere sudore sulle corde della chitarra, a farci sentire quell’alchimia che è riuscito a creare solo lui, quel mix leggero e potente di puro rock con echi sudamericani e mariachi, caldi e ballerecci.
Inconfondibile.
E, di fatti, il pubblico sembra iniziare a capire che è il momento di pogare, di scatenarsi, come succede di rado, a Roma soprattutto.
Nonostante e ovviamente i pezzi più apprezzati siano i più famosi, come “Pistolero“, “After Dark” e “Machete“, quelli che hanno fatto la fortuna di Tito Larriva essendo le colonne portanti di film Cult di Robert Rodriguez e Quentin Tarantino, la gente si scatena anche su pezzi nuovi e mai ascoltati, segno che piace il loro sound, non la hit.
Poi mettici pure che tra un pezzo e l’altro Tito (che non sa mai se parlare inglese o spagnolo, e opta per un mix quasi incomprensibile) ti racconta aneddoti da Bar Sport, solo che gli aneddoti sono riferiti, ad esempio, al fatto che quando ha lavorato con Johnny Depp si stupì del fatto che gli arrivasse al mento, e Tito non è di certo un giocatore di basket…
Insomma, con un tipo così, con pezzi così, col pubblico in delirio, non poteva che finire che con una lunghissima After Dark in stile “Dal tramonto all’alba” con trenta persone sul palco tirate su da Tito in persona, a ballare, non proprio come Salma Hayek ma più come Tarantolati, ma va benissimo così, divertimento puro…è finita…che dire?
Viva Mexico, Viva Tito!
Olè.

 Marco Caponera

 

 Foto: Francesco D’Amore

.

.

.

Extract da “Dal Tramonto all’Alba” (Q. Tarantino): Tito & Tarantula – “After Dark”

http://youtu.be/qesXcZrWShw

Tito & Tarantula – live @ Init Club 10/2012

“Angry Cockroaches”

Share Button
Written By
More from Marco Caponera

Nick Oliveri @Init Club (Roma) -07/2015

Un concerto mozzafiato con ancora il gusto di ‘suonare’ e provocare...
Read More

9 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.