Scampia Music Fest – Dove l’arte vive

Un festival multidisciplinare ad ingresso gratuito che si svolge il 14 e 15 nella Villa Comunale di Scampia, sul cui sfondo si stagliano le Vele

Scampia Music Fest è un festival multidisciplinare ad ingresso gratuito la cui direzione artistica è curata da Giuseppe Fontanella per Octopus Records.

Scampia Music Fest non è solo un evento artistico, ma anche un momento di condivisione sociale, di impegno per il territorio e di riqualificazione di una location abbandonata e inutilizzata.
È l’occasione per far conoscere un quartiere tendenzialmente non frequentato per attività artistico-culturali o ludiche da un pubblico non locale. L’intenzione è dare vita, attraverso la partecipazione di addetti ai lavori e artisti di fuori regione, e della stampa nazionale oltre che locale, ad una partecipazione non solo locale, al fine di far conoscere un lato di Scampia, molto lontano dall’immaginario dell’opinione pubblica. Si può quindi affermare che tra le mission della rassegna, c’è anche quella del superamento del pregiudizio verso un quartiere, delle persone, e una realtà sociale che molto spesso ne è vittima.

Contest_35 è l’attività attraverso cui, nei mesi precedenti al Festival, si selezioneranno i progetti musicali emergenti che avranno poi la possibilità di esibirsi durante l’evento come open act degli ospiti principali: I MINISTRI e MEZZOSANGUE.
I selezionati di questa edizione sono: Baia90, Cosmorama, ielloston, Manco, X35, Yosh Whale, Dorothea, Fusaro.

Scampia_short film competition è il primo concorso di cortometraggi, a cura di Gennaro Maria Cedrangolo, interamente dedicato alle periferie. La competizione è destinata ai film girati all’interno delle periferie o che raccontano storie che nascono nei quartieri ai margini delle metropoli. I lavori verranno selezionati, entro fine agosto. Partner di quest attività e il Pigneto Film Festival di Roma. La giuria sarà composta da Gennaro Maria Cedrangolo, Francesco Lettieri, Simone Vesco, Riccardo Veno, Valentina Acca. Il vincitore del primo premio oltre a ricevere la targa personalizzata e la copia originale del film Scampia Felix, avrà la possibilità di proiettare il proprio corto all’interno del Pigneto Film Festival di Roma. Il vincitore del secondo premio, invece, verrà premiato con una targa. Tutti i partecipanti al concorso riceveranno il link per lo streaming del film Scampia Felix sottotitolato.

Novità di questa edizione è VIVE! è il reportage fotografico a cura di Matteo Casilli che fa parte delle attività organizzate e promosse dallo Scampia Music Fest. VIVE! è una delle attività più interessanti di questa edizione: il reportage verrà presentato in anteprima durante i due giorni di Festival. L’intento è quello di portare in giro per tutto il corso dell’anno le fotografie in mostre specifiche, anche e soprattutto al di fuori dal territorio campano. Questa è la prima attività dello Scampia Music Fest che punta a promuovere un’attenzione sul quartiere che non sia legata alla semplice durata del Festival e relegata solo al territorio. Ma che ha, invece, l’idea di un impegno duraturo, costante e a carattere nazionale (approfondimento dettagliato nella scheda specifica).

L’evento ha, tra le altre, la volontà di approfondire il difficile dialogo interculturale sul territorio, ricco di una mescolanza di etnie e culture che offre momenti di confronto e conoscenza reciproca.
Scampia Music Fest è una due giorni all’insegna di musica live, estemporanee di arti grafiche e visive, esposizioni, workshop di approfondimento del settore discografico e artistico in genere, tavoli di incontri e discussioni, percorsi di scoperta culinaria per favorire lo scambio interculturale, attraverso realtà partner come Chikù, primo ristorante italo-rom in Italia. La cucina è un potente veicolo di superamento dei pregiudizi: negli anni di attività si è appurato come il cibo sia un momento di forte condivisione sociale e quanto sia più facile approcciarsi ad una cultura diversa attraverso un canale sensoriale: il cibo.

La varietà di attività legate all’evento punta a renderlo interessante per più realtà e ad offrire, soprattutto ai giovani del quartiere, la possibilità di prendere parte e scoprire ambienti e opportunità che nella quotidianità risultano difficilmente accessibili.
Anche per questo il progetto è presentato in partnership con due importanti realtà dell’associazionismo e della cooperazione sociale del quartiere Scampia che lavorano su due ambiti particolarmente sensibili del disagio: l’integrazione delle comunità straniere, quella rom in particolare, e il rischio di devianza ed esclusione sociale dei ragazzi. Il mondo dell’associazionismo, molto numeroso e variegato, con diverse connotazioni ha esercitato una spinta dal basso verso la riqualificazione del quartiere e promosso la nascita di progettualità culturali e sociali significative che si sono andate ad affiancare allo storico lavoro del Centro Sociale Gridas e rappresenta il reale valore aggiunto del quartiere.
La relazione con questi partner è il frutto di collaborazioni cementate nel tempo: K-lab/OctopuRecords, ad esempio, cura da due anni un laboratorio di produzione musicale, promosso dall’associazione Compare presso il suo Centro Territoriale Mammut, rivolto alla comunità di musicisti hip hop del quartiere e finalizzato all’acquisizione di strumenti professionalizzanti per la loro carriera artistica. Chikù ha già partecipato al primo Scampia Music Fest (2016) e quest’anno amplia il suo coinvolgimento proponendo un proprio laboratorio interculturale di cucina al pubblico del festival e ai bambini del quartiere.

Rockit è media partner dell’evento e seguirà h24 la due giorni attraverso un reportage di Valerio Millefoglie.

Il Festival da quest anno è in partnership anche con Amnesty International – Italia / Amnesty International – Gruppo Napoli. Gli attivisti di Napoli saranno presenti per tutta la durata del Festival presso un proprio spazio dedicato. Si discuterà di immigrazione, accoglienza e integrazione insieme anche a una delegazione dell’ufficio Campagne e Ricerca di Amnesty International. Altra partnership è con Sofar Sound International.

.

Intorno alla villa comunale c’è disponibilità per circa 500 posti auto, ed è prevista anche una navetta gratuita con cadenza 15′ che porterà il pubblico che preferisce utilizzare i mezzi pubblici, dalla fermata della metro “Scampia” alla location del Festival.

 

PROGRAMMA COMPLETO

Il 14 settembre

-Dalle 16.00 alle 18.30
appuntamento con CHIKÙ gastronomia cultura tempo liberoche approfondirà come la cucina è un potente veicolo di superamento dei pregiudizi: negli anni di attività l’associazione ha dimostrato come il cibo sia un momento di forte condivisione sociale e quanto sia più facile approcciarsi ad una cultura diversa attraverso un canale sensoriale come quello del gusto. Il laboratorio si chiude con l’impasto del pane, elemento concreto e fortemente simbolico, base essenziale del nutrimento di tutti i popoli, che assolve anche a funzioni rituali e di decorazione.

-Dalle 14.00 alle 15.30
Gabriella Esposito fondatrice e responsabile generale di Foresta., agenzia di comunicazione del Festival, Salvatore Dell’Aversano, direttore artistico e Responsabile Doc Servizi Napoli, Max Magaldi, musicista, tra gli organizzatori del Meeting del Mare e direttore artistico della sezione musica del Derive Festival e Fabrizio Galassi docente e consulente di digital marketing, incontreranno artisti emergenti per “ascoltare” i loro progetti, e saranno disponibili, 20 minuti a progetto, per delle indicazioni e suggerimenti specifici.

-Dalle 15.30 alle 17.00
Riccardo De Stefano direttore editoriale ExitWell, presidente Adastra – acceleratore musicale, responsabile comunicazione Casa del Vinile terrà un workshop per musicisti e addetti ai lavori.

-Dalle 20.00 alle 22:00
il palco B ospiterà band emergenti selezionate attraverso un contest nei mesi precedenti al Festival. Il regolamento per partecipare lo si può trovare nella sezione Note della pagina FB del Festival.

-Alle 22.30
si passa al Palco A con l’esibizione della band Fabrica. Successivamente avremo l’esibizione degli headliner “I Ministri”.
Durante le esibizioni musicali writers del territorio disegneranno in estemporanea su pannelli appositamente predisposti in prossimità del palco per libere esibizioni.

.

Il 15 settembre 

-Dalle 16.00 alle 19.00
Centro Territoriale Mammut Napoli allestirà un laboratorio di ciclofficina, a cura dell’associazione Compare che prevede l’allestimento di uno spezio dedicato alla ciclofficina e ciclomeccanica, dove si svolgerà un laboratorio di riparazione delle bici, rivolto sia ai bambini e ragazzi del quartiere sia al pubblico dell evento che vi si recherà in bici. L’obiettivo è promuovere la cultura ecologica e la mobilità sostenibile anche favorendo la partecipazione al festival in bicicletta.

-Dalle 14.00 alle 15.30 Gabriella Esposito fondatrice e responsabile generale di Foresta.., agenzia di comunicazione del Festival, Salvatore Dell’Aversano, direttore artistico e Responsabile Doc Servizi Napoli e Max Magaldi, musicista, tra gli organizzatori del Meeting del Mare e direttore artistico della sezione musica del Derive Festival , incontreranno artisti emergenti per “ascoltare” i loro progetti, e saranno disponibili, 20 minuti a progetto, per delle indicazioni e suggerimenti specifici.

-Dalle 15.30 alle 17.00 Francesco Galassi fondatore di ExitWell, ufficio comunicazione iCompany e Primo Maggio Roma, terrà un workshop per musicisti e addetti ai lavori sulla comunicazione musicale.

-Dalle 20.00 alle 22:00 il palco B ospiterà band emergenti selezionate attraverso un contest nei mesi precedenti al Festival. Il regolamento per partecipazione lo si può trovare nella sezione Note della pagina FB del Festival

-Dalle 22.30 esibizione dei Qoncept Clan e Fluxer; a seguire MezzoSangue.

.

Durante le esibizioni musicali writers del territorio disegneranno in estemporanea su pannelli appositamente predisposti in prossimità del palco per libere esibizioni.

Share Button
Written By
More from ukizero

Quarzomadera “Al veleno”

Secondo singolo estratto dal quarto disco “Apologia del calore”: da un lato...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.