Pinocchio: tagliamo i fili…

Ci sentiamo tutti burattini a cui impediscono di diventare se stessi

“Le avventure di Pinocchio. Storia di un Burattino” è un opera che ormai ha più di cento anni, ma che non smette di affascinare. Perché? La mia risposta è che noi tutti ci rivediamo in quel burattino, e mai come in questo momento storico, ci sentiamo spinti e mossi da fili tenaci nelle mani di burattinai senza scrupoli! E proprio come Pinocchio vogliamo diventare “uomini”. Cosa vuol dire? Vogliamo dignità, vogliamo essere liberi di “essere noi stessi”, vogliamo poter decidere dove andare, dove arrivare e cosa fare della nostra vita. Vogliamo tagliare, spezzare, lacerare con tutte le nostre forze quei fili che ci tengono ingabbiati in uno stato di “beata ignoranza”.

E proprio come Pinocchio, per essere liberi dobbiamo “vivere”; vivere coscienti e consapevoli di noi stessi.

 

 

L’uscita prossima del film “Pinocchio“, di Enzo D’Alò, con le musiche di Lucio Dalla, mi ha spinto a riprendere in mano questo classico della letteratura per ragazzi.

Rileggendolo, a più di vent’anni di distanza, sono riuscita a cogliere quelle sfumature, nascoste tra le righe, che da bambina non sono riuscita a percepire.

 

Tutti noi conosciamo quel “birbante” di Pinocchio, per lo più, sotto l’aurea buonista disneyana; ma Pinoocchio non è così ingenuo come “papà Disney” ci ha raccontato: forse, non tutti lo sanno, ma il Pinocchio di Collodi (Carlo Lorenzini) prende a martellate, uccidendolo, il Grillo Parlante; e ancora, nella prima stesura, comparsa sul “Giornale dei bambini“, tra il 1880-1881, Collodi fa finire il racconto con la morte del piccolo burattino, in maniera al quanto brutale, impiccato ad un albero da dei ladri assassini; il burattino sente giungere la sua ora e pensa al padre: «Oh babbo mio! Se tu fossi qui… E non ebbe fiato per dir altro. Chiuse gli occhi, aprì la bocca, stirò le gambe e, dato un gran scrollone, rimase lì come intirizzito».

 

Sul significato della storia di Pinocchio e dei suoi personaggi, si sono confrontati numerosi studiosi, dando vita ad una multiforme e incessante interpretazione: è stato letto in chiave antropologica, pedagogica, strutturale-filologica, cristiana, psicoanalitica junghiana e freudiana, alchimistica, gnostica, occultistica, antroposofica, massonica, e perfino i no-global che hanno riconosciuto forti similitudini tra il Campo dei Miracoli e il mito della New Economy, si sono fatti esegeti del racconto.

 

Il libro di Pinocchio è un classico senza tempo e come dice Calvino: «Un classico è un libro che non ha mai finito di dire quel che ha da dire». Nel 1981, lo stesso Calvino, in occasione del centenario di Pinocchio, scriveva che la fiaba di Collodi è in grado di generare nella fantasia dei lettori immagini di straordinaria potenza: «Ogni apparizione si presenta in questo libro con una forza visiva tale da non poter più essere dimenticata».

Anche Benedetto Croce si è confrontato con l’opera, arrivando a scrivere che «Il legno in cui è intagliato Pinocchio è l’umanità».

Collodi, caustico osservatore del mondo, aveva un talento naturale nel descrivere con pochi tratti, in una sintesi finissima e spiritosissima, le caratteristiche dei tipi umani, dei fatti, dei paesaggi. Nelle pagine di Pinocchio possiamo ritrovare una realtà che, anche a più di cent’anni di distanza, è ancora attuale.

 

Prendiamo Mangiafuoco: il burattinaio è immagine allegorica dell’esercizio del potere e del suo doppio aspetto: forza bruta e apparente generosità, crudeltà e sentimentalismo, come quando salva Pinocchio che ha appena condannato, ma solo per sostituirlo con un altro innocente, il burattino Arlecchino. Gli uomini-burattino sono sottomessi al potere di Mangiafoco che esiste proprio in virtù della loro vilissima condizione psicologica e gli attributi di questo potere sono la frusta fatta di serpenti perché è “un potere pericoloso” e le code di volpe perché “agisce con l’astuzia, la manipolazione, l’inganno”. La barba nera che lo ricopre rivela che è anche “un potere mascherato, velato”.

Un altro esempio di come Collodi ci racconta il potere è nelle scene che avvengono nel paese degli Acchiappa-citrulli. Cammina cammina ci ritroviamo con Pinocchio, accompagnato dal Gatto e la Volpe, in un luogo completamente allegorico popolato solo da animali. Il paesaggio riflette quella che sarà di lì a poco la sua nuova condizione di povero perché truffato, infatti, i due “malandrini” cercano di rubare le monete d’oro di Pinocchio convincendolo a piantarle nel Campo dei Miracoli. La scena rivela il contesto psicologico da cui ha origine la povertà e l’ingiustizia sociale: l’inganno, la truffa verso il prossimo. Pinocchio torna al Campo dopo una ventina di minuti e si rende conto di essere stato preso in giro, compare allora un pappagallo spennato, questo è una trasposizione di Pinocchio stesso, una sfaccettatura del suo subconscio, al quale, consapevole dell’inganno, non gli rimane altro che farsi la morale. Pinocchio corre in città per denunciare i due al Tribunale. Il Giudice di “Acchiappa-citrulli” è uno scimmione della razza dei gorilla, ha gli occhi malati e porta occhiali senza vetri; dopo averlo ascoltato lo fa arrestare perché è innocente. Pinocchio rimane in prigione per molto tempo e solo quando si dichiara colpevole gli chiedono scusa e lo lasciano andare. Lo Scimmione-gorilla è l’autorità che rappresenta la giustizia. Il gorilla è tra le scimmie più grandi in natura e come scimmia imita goffamente l’uomo. La giustizia è vista come una caricatura, una parodia crudele di quello che dovrebbe essere. Il giudice-scimmione con gli occhi malati e gli occhiali senza lenti è una giustizia che non vede, e nel suo tribunale si arrestano gli innocenti e si liberano i colpevoli. Pinocchio si dichiara colpevole e solo allora viene liberato. Questa è la società che vede Collodi: un mondo alla rovescia, non così lontano da quello in cui siamo immersi ora.

 

Ma chi è Pinocchio?

Giungiamo così alla figura di Pinocchio, su cui tanto è stato detto e tanto è stato scritto.

Le avventure di Pinocchio rappresentino il viaggio dell’uomo verso la maturità; un viaggio pieno di traversie e complicazioni, perché così è la vita.

Vivere vuol dire affrontare il mondo, gioire, sperare, soffrire, e anche sbagliare per poter venirne fuori, poi, più forti e determinati. Pinocchio è la vita e il viaggio stesso: l’opera mette in scena il rito di passaggio che tutti noi compiamo abbandonando la fanciullezza (fisica e d’animo), con i suoi disimpegni e incoscienza, per entrare nel mondo adulto consapevoli del nostro posto nel mondo.

La storia di Pinocchio è la storia della ricerca di un’identità. Il rito di passaggio è definitivamente portato a termine alla fine della storia, quando Pinocchio si trasforma in essere umano e il burattino, “con le gambe incrocicchiate e ripiegate nel mezzo”, rimane senza vita in un angolo. La consapevolezza della propria identità gli viene proprio con questa “metamorfosi”: non è più “una testa di legno”, non è più un “uomo-burattino” alla mercé di uomini-burattinai, pronti a tirare le fila a loro piacere, è un “uomolibero di agire.

 

Il Pinocchio-burattino vive in una condizione simile a quella di Adamo ed Eva nel Paradiso Terrestre, sono “apparentemente” soddisfatti e liberi, ma solo quando mangiano il “il frutto della conoscenza” diventano “realmente” liberi perché dotati del libero arbitrio; così è il Pinoccchio-uomo, ha spezzato i fili che lo tenevano legato ad uno stato di “beata ignoranza”, le brutture della vita lo hanno reso libero, perché affrontandole ha imparato a conosce la realtà.

La conoscenza ci rende liberi!

Katia Valentini

Share Button
More from Katia Valentini

Matisse. Arabesque

Fino al 21 Giugno, le Scuderie del Quirinale ospitano un’imperdibile mostra dedicata...
Read More

9 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.