Natura e tecnologia: un nuovo habitat è possibile!

Un nuovo connubio tra tecnologia e sostenibilità può creare un nuovo concetto di lifestyle e architettura ecosostenibile

 La sfida sarà superare il pregiudizio che applicare politiche di impresa sostenibili sia incompatibile con una normale attività economica. Invero, queste politiche dovranno essere, sempre più, un tratto distintivo di un nuovo modello economico in cui il consumo e la crescita cesseranno, per necessità, di essere dei dogmi. Creare un nuovo mondo e vivere comodi immersi nella natura è possibile!

 

Ormai siamo circondati da smog, auto, cemento e polveri chimiche, le nostre città sono vere e proprie metropoli dove il verde non serve più… «La dove c’era l’erba ora c’è una città..». Ma possibile non ci sia un compromesso? Cosa facciamo noi in materia di ecosostenibilità? In Italia siamo ancora parecchio indietro, ci stiamo provando. Esistono intanto esempi perfetti dal resto del mondo relativi a stili di vita sostenibili, attorno a cui ruotano progetti su cambiamenti di approccio culturale che coinvolgono anche la vita quotidiana. Interessante sarà trovare un nuovo connubio tra tecnologia e sostenibilità: un modo per creare un mondo migliore e starci pure comodi!

Ebbene, se sostenibilità è un concetto che richiama una consapevolezza di vivere creando un impatto il più basso possibile sull’ambiente e sulla vita di ciascuno, possiamo accennare al fatto che in Amercia già esistono le “comunity gardens”, ovvero dei veri e propri open space dove si vive al contatto con la natura. Questo coinvolgimento diretto genera tra l’altro un “orgoglio locale”, ovvero gli abitanti si sentono veramente parte della loro terra e questo abbassa notevolmente la soglia di criminalità e vandalismo. Queste comunità gestiscono spazi destinati al “verde attivo” come giardini, orti e luoghi di incontro per l’educazione ambientale.

 

E i tedeschi cosa si “inventano?” In Germania è nata l’ “Heliotrope“, una casa ispirata al girasole, poiché proprio come il fiore si sposta per sfruttare totalmente l’energia solare grazie alla rotazione completa che la casa compie sul proprio asse durante il giorno per seguire i raggi solari. Naturalmente l’Heliotrope è un esempio massimo di casa ecosostenibile e sfrutta la luce esterna captata da sensori istallati su pannelli fotovoltaici. Ma anche l’orto e il giardino nell’Heliotrope non sono lasciati al caso, infatti sono posti sul tetto dell’edificio per sfruttare al meglio l’energia solare e un sistema di riciclo permette di sfruttare l’acqua piovana, questa verrà purificata e riutilizzata per l’irrigazione degli orti stessi. Questo è sicuramente un edificio che produce molta più energia di quanta ne consuma!

 

La cosa interessante è che architetture come queste sono entusiasmanti sia a livello estetico, sia a livello ecosostenibile ovviamente. Chi l’ha detto che per sviluppo e tecnologia si debba per forza sempre alzare muri di asettico cemento armato, anche un grattacielo immerso nel verde in un sistema ecologico può essere un edificio futuristico, tecnologico e altrettanto accattivante. Pensate al progetto “Urban Forest” che stanno creando a Chongqing (Cina): un edificio che mescola la trasparenza dei vetri al verde della natura, creando una foresta verticale (e vertiginosa) di quasi 400 metri. Il progetto (firmato Mad Architets) vuole essere, come si legge sul sito, un segno di «devozione alla natura, un organismo vivente che porta un soffio di vita nuova nell’acciaio della città».
E in Italia? Come ci stiamo organizzando? A Milano si sta costruendo un vero e proprio “bosco verticale” (un progetto  firmato da Stefano Boeri), si, un vero e proprio bosco a più piani: oltre all’uso dei classici materiali edili, si affiancano materialivivi”, alberi, piante ecc… Inoltre il “bosco” verrà tenuto in vita da un particolare sistema di irrigazione poi affiancato a pannelli solari e ad un impianto eolico, creando una vera e propria “oasi ecosostenibile”.
Insomma anche noi, se vogliamo, possiamo ben attrezzarci per un mondo migliore!

Sara Di Marzio

.

.

.

Urban Forest Health Benefits

Heliotrope

Share Button
Written By
More from ukizero

Logrind: intervista esclusiva!

"Overcome" si presenta con un sound fortemente internazionale: un connubio di rock,...
Read More

8 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.