Materia Oscura: scoperta dove si annida nella nostra galassia!

Per la prima volta si è direttamente dimostrata l’esistenza dell'energia oscura nel Sistema Solare... ed è presente anche intorno a noi

«La singolarità del Big Bang è il più grave problema della relatività generale, perché le leggi della fisica sembrano finire lì», così afferma Ahmed Farag Ali, coautore con Saurya Das presso l’Università di Lethbridge in Alberta, Canada, di un articolo pubblicato in “Physics Letters B” dove si spiega che la singolarità del Big Bang può essere risolta con il loro nuovo modello in cui l’universo non ha inizio né fine. Di fatto, l’universo potrebbe essere stato presente da sempre, secondo il modello che applica termini di correzione quantistica per completare la “Teoria della Relatività Generale” di Einstein. Questo modello può anche spiegare la “materia oscura” e l’ “energia oscura”.. Ma innanzitutto, dobbiamo ben capire cos’è la “materia oscura”. Anche perché, recentemente, gli scienziati hanno rilevato per la prima volta l’ “energia oscura” nella nostra galassia.

 . 

«Non passerete indenni la terza casa. Sarete prigionieri della dimensione oscura.. Dimensione Oscura!!!” – “Catena di Andromeda…Crystaaaal!!»… E fu così che Andromeda, grazie alla sua catena, riuscì a non perdesi nella dimensione oscura lanciata dal Cavaliere dei Gemelli, mentre il povero Cavaliere del Cigno… Ehi aspettate un momento, questa è un’altra cosa! Mi sto confondendo: non si parla della dimensione oscura, terribile colpo lanciato da Gemini, ma della “materia oscura“. Intrappolati come da un buco nero… ne siamo circondati più di quanto si poteva immaginare: la materia oscura pare sia presente intorno a noi in modo costante.

 

La scoperta del lato oscuro dell’universo: lasciatevi sedurre

La materia oscura ha questo nome perché non emette luce (e l’elemento era piuttosto vincolante per la scelta del nome in effetti.. forse non pecca di originalità, ma è calzante). La sua “energia oscura” è una forza misteriosa a cui si attribuisce la sempre più veloce espansione dell’universo. Pertanto si tratta di un’energia cosmica fondamentale in molte dinamiche stellari fino ad influenzare anche i campi magnetici bioenergetici: la misteriosa forza che osserviamo nelle grandi strutture dell’universo è presente anche intorno a noi; se non altro perché si tratta del reale componente maggiore dell’intero universo. Gli scienziati hanno infatti trovato la materia oscura un po’ qui e un po’ lì in giro per le galassie e, particolarità della materia oscura, è che esercita un’attrazione gravitazionale sull’ambiente circostante.

Uno studio, condotto da un team composto da tre ricercatori, di cui due italiani, ha rilevato la velocità delle stelle e delle nubi di gas delle regioni interne della Galassia che chiamiamo Via Lattea. La velocità di stelle e nubi è legato al contenuto di materia oscura lì presente. Questo studio è stato pubblicato sulla rivista “Nature Physics” e di sicuro segna un importante passo avanti verso la comprensione più approfondita della Via Lattea e della materia oscura.

 

Quali sono le caratteristiche della materia oscura?

  • La materia oscura non emette luce e quindi non si può vedere direttamente.
  • La sua presenza è rilevata dalle perturbazioni gravitazionali esercitate sugli altri corpi.
  • Di materia oscura ce ne sta veramente tanta: l’85% dell’Universo è costituita di materia oscura.
  • Se è invisibile, come si rileva la sua presenza? Siccome la materia oscura esercita una certa attrazione, allora si rileva una maggiore o minore presenza di essa in base alla velocità maggiore o minore delle stelle e delle nubi.

 

Alla scoperta della Via Lattea

Grazie alla registrazione della velocità delle stelle e delle nubi presenti nella Via Lattea e al loro confronto con le misure previste, basate su calcoli matematici, i ricercatori sono stati in grado di stabilire la maggiore o minore quantità di materia oscura all’interno della nostra galassia, di cui anche il nostro Sistema Solare fa parte. E così è stato scoperto che ci sono grandi quantità di materia oscura nel cuore della Galassia. Da questo studio abbiamo anche saputo che la materia oscura ci circonda ed è presente anche intorno a noi.

 

Conclusioni

Tutto questo è molto bello, ma a noi che ci cambia? Cioè, se viviamo circondati di materia oscura, quali sono gli effetti sulla nostra vita? Se la materia oscura, come spiegato dal buon Fatale in questo articolo, costituisce la base dell’Universo, essendocene molta (e questo è solo uno degli elementi a prova di questo fatto) sappiamo da dove deriva la nostra esistenza corporea -ovviamente sommando alla materia oscura un’altra serie di fattori- ma sulla nostra vita non materiale? Cioè sul nostro stadio bioenergetico o ancor meglio energetico in senso stretto? Sulla nostra coscienza (che altro non è che il nostro stadio vibrazionale), sul , ecc… si possono riscontrare delle conseguenze? Perché se la materia oscura non è visibile e il primo livello di esistenza dell’Universo è formato da tutto ciò che è visibile, allora essa ha dei contraccolpi sui livelli di esistenza che seguono il primo, che sono proprio quelli del e della coscienza, o no? A livello fisico, la “materia”, quella di cui parlava Einstein, non è materia nel senso di qualcosa di materiale, ma è materia nel senso di energia visibile, cioè una energia la cui velocità è a dei livelli così bassi che si può vedere. Se la materia oscura è “energia oscura” allora che effetti ha su di noi? Fisicamente nessuno, ma sull’umore per esempio? Quando diciamo “che giornata nera/vedo tutto nero”, la materia oscura (termine che associamo alla colorazione nera) ha un fondo di verità? In fondo, siamo figli delle stelle… e siamo un tutt’uno con il campo purico dell’universo..

 Roberto Morra

 .

.

 

Share Button
Written By
More from Roberto Morra

Multidimensionalità e viaggi extracorporei (dall’esoterismo alla scienza)

Viaggio fra i piani ancestrali: resoconto dettagliato dei piani ai quali può...
Read More

7 Comments

  • cioe’…..l’ 85% dell’ universo sarebbe questa materia oscura??? le stelle, i soli, etc. e quello che conosciamo e’ solo un 15% ??? be’ .. conosciamo davvero poco del nostro universo ……

  • credo concordare con l’interesse di Roberto M. riguardo l’influenza di questa materia osc sul nostro umore ad esempio…. Insomma, questa misteriosa forza compone quasi il 90 % di tutto l’ universo…. forse se le note energie fisiche regolano la materia, la materia osc invece regola l’ invisibile ….. come la coscienza …. Magari e’ il fluido energetico che e’ alla base dei quanti , delle onde vibrazionali , Insomma , come ha detto Flavio , c’ é ancora molto da scoprire sull’ universo ….

  • Interessante post del sempre bravo Morra. Ho letto anche il post di Fatale …. magnifico! A questo punto mi chiedo se gli scienziati saranno in grado di leggere queste nuove scoperte con nuovi occhi …. c’é davvero il mondo da scoprire!

  • Credo anche io che le ricerche sull’energia oscura saranno l’ultima frontiera per comprendere davvero l’essenza dell’ universo e di cio’ che siamo

  • Molto probabilmente l’energia oscura si riversa sul nostro Dna spazzatura? Cioè quella parte maggiore sconosciuta che compone il Dna ma responsabile di chissà quale funzioni base?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.