Mad Max: Fury Road [Recensione]

Come spendere milioni di dollari in tutto pur di risparmiare sulla sceneggiatura. [Una recensione divisa in più parti con parole e suoni d’altri. Perlopiù]

.Recensione Pt.1

 

Ogni 5 secondi cannoni da assedio sventrare

spazio con un accordo tam-tuuumb

ammutinamento di 500 echi per azzannarlo

sminuzzarlo sparpagliarlo all’infinito

Nel centro di quei tam-tuumb

spiaccicati (ampiezza 50 chilometri quadrati)

balzare scoppi tagli pungi batterie tiro

rapido Violenza ferocia regolarità questo

basso grave scandere gli strani folli agitatissimi acuti della battaglia Furia

 

Recensione Pt.2

Noi vogliamo cantar l’amor del pericolo, l’abitudine all’energia e alla temerità.

Noi vogliamo esaltare il movimento aggressivo, l’insonnia febbrile, il passo di corsa, il salto mortale, lo schiaffo e il pugno.

Noi vogliamo inneggiare all’uomo che tiene il volante, la cui asta ideale attraversa la Terra, lanciata a corsa, essa pure, sul circuito della sua orbita.

Non v’è più bellezza, se non nella lotta. Nessuna opera che non abbia un carattere aggressivo può essere un capolavoro. La poesia deve essere concepita come un violento assalto contro le forze ignote, per ridurle a prostrarsi davanti all’uomo.

Perché dovremmo guardarci alle spalle, se vogliamo sfondare le misteriose porte dell’Impossibile?

Noi vogliamo glorificare la guerra –sola igiene del mondo– il militarismo, il patriottismo, il gesto distruttore dei libertarî, le belle idee per cui si muore e il disprezzo della donna.

 

Recensione Pt.3

In un futuro dispotico ad un vecchio despota decrepito “rubano” le sue modelle da monta e lui curiosamente si incazza.

Tra l’altro vengono fatte scappare dalla sua prima moglie/imperatrice. E si sa, queste cose bruciano un po’ di più.

Come un novello Menelao decide di mettere ogni altra cosa in secondo piano e partire per riscattare l’orgoglio ma soprattutto giovane e tenera carne, che altrimenti che si fa tutto il giorno nella fortezza tra una tortura e un banchetto?

Poi ci sono macchine, moto, esplosioni, botte, morti assurde, personaggi improbabili, il deserto del Namibia.

Ah, c’è anche un chitarrista che sputa fuoco dalla chitarra&basso di fronte ad una parete di amplificatori, che sono l’unica cosa che rimane pulita per tutto il film. Tra l’altro è un mondo dove tutto è mosso dall’avidità per la benzina, quindi utilizzarla per sparacchiare fiamme dal bimanico è proprio sensato.

Ogni tanto, storditi da suoni ed inseguimenti, sempre oltre ogni limite della sopportazione, si pensa “Bhè, qui si vede che ha fatto anche Sin City! Che creatività! Che fotografia!”, poi però si rinsavisce e ci si ricorda che quello è un altro Miller e che i due non hanno niente da spartire. E si ritorna nello stato catatonico e impassibile di cui fino a poco prima.

Per fortuna.

Tom Hardy ha detto di aver lavorato sulla psicologia del personaggio. Quindi ci deve essere, io la sto ancora cercando.

George Miller pure, temo.

Forse una trama avrebbe potuto aiutare un po’ lo spettatore. Magari c’è nel film originale del 1979. Potrei anche cercarla se non fossi così incazzato per aver buttato i soldi del biglietto.

Nella filmografia di George Miller spiccano: Babe 1, Babe 2, Happy feet 1, Happy feet 2. Poi ha capito che lavorare su trame troppo complesse era troppo difficile.

A Cannes è stato applaudito per 15 minuti di fila, non so voi, a me sa di raptus isterico.

A Cannes è stato applaudito per 15 minuti di fila. Ecco che succede a svegliarsi di colpo dopo “Youth”.

A Cannes è stato applaudito per 15 minuti di fila. Ecco cosa succede a non fare i controlli antidroga ai critici.

La nota di chiusura è per i doppiatori italiani: è forse stata emanata qualche legge che impone di utilizzare toni baritonali e gutturali? È proprio obbligatorio fregarsene della voce originale degli attori?

Un film correlato è “Locke”. C’è Tom Hardy e sta tutto il tempo in macchina però è geniale, davvero.

 

Nicholas Ciuferri

.

.

 

Share Button
More from Nicholas Ciuferri

Ora e sempre resilienza [Roma 3 luglio 2015]

Una conferenza sulla solita situazione paradossale in cui le colpe sono ribaltate...
Read More

10 Comments

  • due recensioni di Ciuferri in un giorno …. per puro caso poi ho riaperto il sito …. è un segnale , non c’è dubbio ! questo di film ero ancora indeciso …
    Fantastici..!

  • la mancanza di un minimo di storia, di trama, di sceneggiatura originale………ha rovinato un film la cui prima parte è a dir poco travolgente!
    bravissimo ciuferri ! recens fighissima! 😉

  • io l’ho trovato un film travolgente …. posso capire tutte le critiche del caso , ma questo rimane un film totale!!!!

  • il film funziona alla stragrande, il fatto che non sia verboso a parer mio è un ottima cosa, Miller in questo film parla per immagini, i personaggi eseguono delle azioni che delineano i personaggi più di quanto avrebbero potuto fare 10000 battute… paradossalmente in crash (mi pare che abbia vinto premi per la miglior sceneggiatura), che al contrario di fury road parlano parlano, i personaggi non vengono fuori ed il ritmo viene appesantito dal voler caratterizzare troppi personaggi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.