Le due facce della luce… e della realtà

Scattata la prima fotografia che dimostra la doppia natura -onda/particella- della luce. Ancora una volta la scienza avalla antiche sapienze esoteriche...

Uno dei tanti bizzarri aspetti della Meccanica Quantistica è la doppia natura della luce, che è sia onda che particella. Gli scienziati dell’École Polytechnique Fédérale de Lausanne, coordinati dall’italiano Fabrizio Carbone, sono riusciti a catturare, per la prima volta al mondo, una fotografia di questo fenomeno. «L’esperimento», dice Carbone, «Dimostra, per la prima volta al mondo, che possiamo filmare direttamente la meccanica quantistica e la sua natura paradossale». Si comincia dunque a dimostrare che tutto è energia. Tutto è vibrazione, finanche la luce, che è a fondamento della nostra realtà e della sua percezione. La luce è onda, ma allo stesso tempo, se introduciamo un Soggetto-Osservante o uno strumento di misurazione essa può diventare particella, collassare cioè in una cristallizzazione materiale. Alla base di questo meccanismo c’è, oltre alla natura stessa della realtà, anche il modo con cui essa si crea… perché come già avevano intuito gli antichi saggi asceti: tutto è vibrazione!

 

Dalla natura della luce al suono: tutto è vibrazione.

Già gli Antichi cercavano di riscoprire il suono che permea l’universo ed ad entrare in armonia con esso, attraverso costruzioni e simboli sacri. Vi è mai capitato di sentirvi dire: “Nel caso ti trovassi in stato di incoscienza, è meglio che non segui la luce bianca in fondo al tunnel!”? Vi ricordate quell’esperimento bello e facile da fare, riprodotto anche da Pollyanna, di far passare un fascio di luce attraverso un cristallo per vedere come il fascio si divideva dando vita a diversi fasci, ognuno di un colore diverso? Sapete che i vampiri possono stare alla luce basta che non sia diretta? Almeno così si vede in “Buffy l’ammazzavampiri” e altre serie.. e ci sono anche quelli che alla luce diretta brillano! Comunque sia, tutte queste cose strampalate che ho detto hanno una sola cosa in comune, cioè la luce.

 

Vedo la luce!

Sapevamo dalla fisica quantistica che la luce è sia un’onda che una particella. Questa doppia natura della luce era stata attestata da diversi esperimenti che ne avevano dimostrato la natura sia dell’una che dell’altra. Ecco perché “si sapeva” di questa ambivalenza. Ma era mai stato possibile osservare le due cose insieme? No, fino ad ora non era mai stato possibile. Ebbene, dopo l’esperimento condotto a Losanna, i fisici sono riusciti ad osservare contemporaneamente entrambi questi aspetti. Ed ecco che la meccanica quantistica, quella che spiega come le particelle riescano a comunicare e a viaggiare tra i vari universi, mette a segno un altro colpo. Già! A quanto pare è tipica questa cosa della meccanica quantistica di proporci delle teorie dimostrate e dimostrabili che da un punto di vista logico ci sembrano paradossali.

 

Ma solo la luce è visibile?

Interessante questo esperimento… Ma facciamo un passo avanti e andiamo oltre la notizia e ci chiediamo: solo la luce è visibile? E leggendo la definizione “la luce è un’onda” mi è saltato alla mente una domanda: solo la luce è un’onda? Anche il suono lo è. E allora che ti scopro? Che fin dai tempi passati altri scienziati hanno sempre condotto esperimenti sul suono e recentemente hanno potuto constatare che la vibrazione prodotta dal suono su della sabbia, per esempio, da vita a delle forme e delle figure ben precise. Ma allora.. per quanto la luce sia dotata di una certa importanza, perché con la sua energia consente agli esseri viventi di vivere e ci consente di vedere, sono il suono e la vibrazione ad avere un’importanza maggiore per quanto riguarda la creazione. Pensate: nella Genesi non viene forse detto che «In principio era il Verbo» ..il “Logos“, ossia parola, un suono… ovvero vibrazione? Ogni vibrazione ha un ritmo e una frequenza che caratterizzano l’onda energetica. I rapporti di quella frequenza e dei suoi ritmi ondulatori, se trasferiti su un piano tridimensionale, riproducono delle forme che noi ormai conosciamo come figure geometriche. Tutto in natura (e nella sua creazione) segue quindi questi rapporti matematici e proporzioni geometriche (avrete sicuramente sentito parlare ad esempio della “Sezione Aurea” o della “Numerologia” in esoterismo).

 

Armonica: scienza del suono. La Geometria Sacra e i Mantra

La “Cimatica“, diventata poi “Acustica“, è la scienza che studia le forme prodotte dal suono. Invece l’Armonica è la scienza che produce costruzioni architettoniche in base al suono: fin dalle civiltà più antiche si cercava di produrre architetture che seguissero i suoni (e dunque i rapporti geometrici) che caratterizzano l’universo. Infatti non è possibile pensare che se all’inizio del tutto c’è una vibrazione, questa vibrazione non continui a diffondersi nell’universo. Fin dall’antichità si era percepito e si cercava di costruire tutto in funzione di questo suono (ad esempio l’ “OM” orientale è il suono primordiale della creazione). Tutto ciò che ruota intorno alla riproduzione delle vibrazione che si diffonde nell’universo, cercando così di armonizzarsi con esso, costituisce quella che si chiama Geometria Sacra. Il suono dà vita a delle immagini e queste immagini geometriche, che possono rientrare anche nelle costruzioni (vedi le Piramidi, le cattedrali, ecc…), sono la riproduzione dell’armonia dell’universo e costituiscono la base della matematica. Non c’è quindi da stupirsi se antichi simboli come i “Mantra” erano recitati: attraverso la riproduzione verbale di questi simboli, che a loro volta erano riproduzione del suono dell’universo (e dunque delle sue leggi di natura), si cercava di raggiungere un’armonia di coscienza con l’universo stesso che apportasse dei vantaggi (infatti in principio la divinità era vista come un’unica e trascendete Energia Vitale cosmica che attraverso le sue manifestazioni -leggi di natura- creava l’universo).

Piccola parentesi filosofica: la musica era considerata disciplina fondamentale nell’educazione del cittadino secondo Platone. E Socrate, suo maestro, sosteneva che i concetti trasmessi contando e/o accompagnati da musica fossero più facilmente comprensibili. Ebbene, tutti questi grandi saggi hanno da sempre cercato di tramandare l’armonia da ritrovare con l’universo grazie alla musica… qualcosa che oggi la scienza moderna sta dimostrando giorno dopo giorno.

Roberto Morra

 .

.

> Fonte

.

 

Share Button
Written By
More from Roberto Morra

La sinfonia delle cellule: una nuova medicina alle porte

Dalle cellule si propaga una sinfonia di suoni propri che potrebbero essere...
Read More

9 Comments

  • In principio era la Parola…..come i Mantra. Il suono è la manifestazione dell’energia,le giuste frequenze risuonano su particolari vibrazioni che accendono l’ animo

  • Finalmente si è dimostrato uno dei paradossi base della MQ…..questo è un esperimento epocale. Grazie a Morra per questo bel post.
    Le somiglianze con le antiche saggezze invece non saprei….sembra incredibile

  • sembra incredibile perche’ abbiamo un concetto lineare della storia.,dai selvaggi agli uomini moderni. Invece in passato, gli studiosi intuirono molte cose, magari non potevano dimostrarle attraverso esperimenti e tecnologie, ma filosofeggiavano in modo impeccabile. E comunque hanno costruito cose sorprendenti….non dimentichiamolo!
    Complimenti a Morra!!! Altro interessantisdimo articolo…

  • Possiamo aggiungere a questa realtà scientifica che esiste una connessione profonda tra la materia e che la materia inorganica non esiste. Un sperimento fantastico è consistito nel separare due atomi di una materia inorganica e chiusi in un contenitore sono stati portati a migliaia di chilometri di distanza l’uno da”altro. Bene, facendo ruotare uno dei due in un laboratorio, simultaneamente anche l’altro a migliaia di chilometri di distanza ruotava. La luce è energia, la materia è energia, tutta la materia è fatta di atomi…quindi tutto comunica..sia esso un sasso, un pesce, un albero, un essere umano; a livello atomico siamo tutti connessi…IL TUTTO ESISTE !! Il tutto è modificabile ed al tutto ci si può connettere.

  • la musica disciplina sacra per molte antiche culture….non a caso certo, soprattutto nell’esoterismo! come l’astronomia del resto…. ecco che gli antichi sapevano osservare e studiare la natura. sempre grande il Morra! 😉

  • in base a questo articolo e al commento di giorgio del sole,è chiaro che gli antichi stanno avendo ragione…….in barba a scienziati che continuano a non volersi staccare da vecchie versioni. Uki portaci verso le nuove frontiere della scienza……il Morra insegna…. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.