Intervista a Patrice Avella autore di “Modigliani, l’amore & Paris”

Patrice Avella racconta la vita, la storia e mette in mostra alcune delle sue più belle opere di uno dei pittori più meritevoli mai esistiti: Amedeo Modigliani.

Patrice Avella è un autore francese, (nato in Francia nel 1959) e da sei anni vive in Italia, in Toscana. Vincitore del rilevante Premio a Parigi del Livre Européen et Méditérranéen de l’association européenne Jean Monnet per il romanzo “Rome Criminelle – tome un Caffè Sangue”, per la categoria “Roman et cinéma”. Lui journalist-food dal 2012 per la rivista di Parigi “La Voce”, il magazine degli italiani in Francia con la rubrica Enogastronomia e Cultura, è altresì autore del romanzo noir Piazza Fontana e, in collaborazione con il cinefilo Gordiano Lupi, del libro Pasta e Cinema (Pâtes et Cinéma nella versione francese). Oltre che Piombino con Gusto, La Grande Abbuffata storia breve del cinema italiano e origini delle ricette delle regioni nostrane) e A Tavola con gli Appiani. Il suo ultimo e acclamato libro però è: “Modigliani, l’amore e Paris”. È un saggio di arte, pubblicato da Edizioni Il Foglio, che raccoglie una considerevole fetta di storia dell’arte

  • Perché Modigliani è un’artista famoso ancora oggi in Francia come in Italia o nel mondo?

Ce ne sono stati tanti artisti come Amedeo prima: con più genio, con più sapienza, con più resistenza, con più speranza. Ce ne sono stati tanti che sono andati più in là prima e dopo. Ma Modigliani è uno. Modigliani è indivisibile. La sua storia comincia e finisce con lui. E anche la sua pittura. Modigliani è l’unità dell’anima. Era un peccatore rovinoso, di quelli che bruciano e consumano tutto per arrivare al centro dell’anima Per raggiungere l’ansietà dei rossi Modigliani ha vissuto sul bruciato. Ha peccato. Ha espiato. Ha peccato ancora. Come santa Caterina cercava il suo rosso. Le donne erano fuoco. La pittura era fuoco. Parigi come Babilonia la capitale del male. La vedeva rossa come i senesi, la città del demonio. E rosse le facce delle donne dai cui occhi l’anima dipartiva alitavano nell’aria arrossandola. Quando Modigliani consumò l’ultimo rosso, morì …scriveva critico d’arte Carrieri,a Parigi nel 1950.

  • Perché scrivere un libro su un pittore morto cent’anni fa?

La vita dell’artista livornese Amedeo Modigliani assomiglia alla storia di un vero romanzo. Tutti gli ingredienti tradizionali sono già presenti: belle donne, amore, sesso, soldi, artisti, quartieri di Parigi, romanticismo, violenza, successo troppo tardivo, amicizia, suicidio, tragedia e alla fine una bella storia di una coppia che si ritrova nella morte come un happy end morale.

  • Come è nato il soprannome di “M le Maudit” a Parigi per l’artista livornese?

“Modì le Maudit”, il “Maledetto”’ era stato a Montmartre soprannominato Amedeo Modigliani perché tutta la sua vita avrebbe potuto essere felice e piena d’amore e di arte. Due giorni dopo la morte dell’artista Modigliani nel gennaio 1920, soprannominato “M le Maudit”, la sua promessa sposa e madre della piccola Giovanna, Jeanne Hébuterne muore suicida per raggiungere l’amore della sua vita, il suo Modi’ al cimitero del Père Lachaise a Parigi. Et voilà! Una bella fine tragica degno di un’opera di Verdi alla Scala di Milano. No! Non siamo in un’opera lirica ma nella realtà della miseria dei quartieri parigini, dove vivevano gli artisti nei primi anni del 1900. Una bella storia d’amore come l’artista Modigliani ha conosciuto durante la vita vissuta in Francia con delle donne favolose e innamorate fino a morire per lui.

  • Questo libro è un vero gemellaggio tra Livorno e Paris dell’arte e della tragedia?

La vita di Modigliani si è sviluppata tra Livorno, dove nacque nel 1884, e Parigi, dove ha vissuto la sua vita di artista. Il legame con la sua città natale in Toscana non si è mai interrotto ma era sempre stata una sofferenza di rimanere non capito e apprezzato dalla sua gente. Nella “Villa Lumière”, dove arrivò giovane nel 1906, si sente a suo agio con gli altri artisti di tutte le nazionalità emigrati a Paris.

  • Si dice sempre che Modigliani ha bruciato nell’alcol la sua arte, è vero?

Abbiamo tutti in testa la sua reputazione di un uomo alcolizzato, drogato o bohémien. È vero, però come tanti altri artisti della sua epoca. Ma Modì era altro. Le sue precarie condizioni di salute sin da piccolo, la sua malattia che lo ucciderà, la tubercolosi, lo faceva soffrire molto e il suo stato di salute precario lo impediva anche di fare la sua arte con serenità ben più della sua miseria. Gli impedirono a causa delle polveri, di dedicarsi all’arte della scultura per esempio. Sapeva di avere poca vita e che questa doveva essere vissuta intensamente.

  • Si dice che ci sono più opere false che vere in giro per il mondo, che ne pensi?

Opere vere e false sono state vendute in tutto il mondo. Tanti bravi falsari hanno potuto vendere opere di quest’artista alla moda senza vergogna, anche se hanno provocato tante polemiche. La più sconcertante è stato proprio nella sua città natia, a Livorno, nel 1984, con il ritrovamento di tre sculture nei canali, frutto di una burla studentesca.

  • Per concludere vuoi aggiungere un testo o una poesia in onore di Modì?

«..Modigliani era un Botticelli moderno, tutto bruciato dal fuoco dello spirito, che rende esili, quasi immateriali le sue creature, per lasciarne meglio trasparire lo spirito meditativo e gentilmente malinconico…».

Emiliano Contreras

> IBIS
> IL FOGLIO LETTERARIO Edizioni

Share Button
Written By
More from ukizero

Gli enciclopedisti

Che cos’è l’Illuminismo? Kant risponde: è l’uscita dell’uomo da uno stato di...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.