Intervista a Chiaredizioni: “Purgatorio di Dante in Graphic Novel” di Zuccarini e Carbonetti

Purgatorio di Dante in Graphic Novel” si concentra principalmente sull’Antipurgatorio: esso è costituito dalla spiaggia su cui approdano le anime espianti e dalle falde della montagna, sulle quali le anime dei negligenti attendono di iniziare il loro cammino di purificazione nelle sette cornici del Purgatorio. Il custode del Regno è Catone l’Uticense, che viene presentato nel primo Canto. L’opera sarà pubblicata ad aprile 2021 per la casa editrice Chiaredizioni, in concomitanza con l’anniversario dei settecento anni dalla morte di Dante Alighieri. Degli autori Cristiano Zuccarini ed Ernesto Carbonetti è già uscito nel 2019 il volume “L’Inferno di Dante in Graphic Novel

  • Com’è nato il progetto che ha portato alla pubblicazione delle opere “L’Inferno di Dante in Graphic Novel” e ora di “Purgatorio di Dante in Graphic Novel”? Perché la vostra scelta è ricaduta proprio su questo genere letterario?

Da diverso tempo riserviamo un’attenzione particolare al mondo della scuola e le nostre pubblicazioni hanno la particolarità di essere ludico-didattiche. Volevamo qualcosa che avvicinasse i ragazzi all’affascinante mondo della Divina Commedia e così è sembrato naturale accogliere la proposta di Zuccarini & Carbonetti

  • A quale categoria di lettori si rivolgono principalmente le vostre edizioni in graphic novel della Divina Commedia?

Il nostro target iniziale – come detto anche nella risposta precedente – era composto da giovani dai 13 anni in su. Poi ci siamo accorti che anche professionisti e cultori della materia si sono accostati con attenzione ed entusiasmo a quest’opera e ovviamente ne siamo stati contentissimi.

  • Vuole presentarci lo sceneggiatore e l’illustratore dell’opera?

L’idea nasce dalla sinergia che entrambi hanno sviluppato nel corso di diversi anni di conoscenza. Cristiano Zuccarini – che si è poi concentrato sulla sceneggiatura – è un ragazzo (si fa per dire…) entusiasta e per certi aspetti puro, quasi un sognatore. Carbonetti è un grande professionista, che ha svolto il suo lavoro con genio e precisione, due doti che in genere non dialogano tra loro.

  • In questo secondo volume vi è solo una selezione dei canti del Purgatorio. Quali sono stati i criteri utilizzati per la scelta, e quali sono nel dettaglio i canti presenti nell’opera?

Si è cercato di sviluppare una struttura narrativa coerente e per questo ci siamo concentrati sull’Antipurgatorio. Ci siamo accorti, infatti, che scegliere un canto anziché un altro avrebbe portato a “mutilazioni” inaccettabili e per questo la scelta migliore è sembrata quella di andare per gradi. In seguito, con ogni probabilità, svilupperemo anche la seconda a terza parte del Purgatorio.

  • “Purgatorio di Dante in Graphic Novel” è pubblicato dalla vostra casa editrice Chiaredizioni. Di cosa vi occupate principalmente? Quali sono i titoli più interessanti presenti nel vostro catalogo?

Abbiamo una linea editoriale – rivolta principalmente all’editoria per ragazzi – molto chiara che si sviluppa su alcune direttive: oltre alla “Dante Series” ci occupiamo di ecologia ed educazione alimentare, archeologia, albi illustrati (con particolare riferimento alle storie classiche, rivisitate), una serie denominata “Numerando” in cui i numeri matematici prendono vita come fossero persone e, infine, una collana che parlerà di calcio. Sono allo studio una collana di gialli e una di noir per ragazzi,
A settembre, però, lanceremo anche una linea per adulti, in particolare di romanzi storici.

  • Avete in mente di organizzare degli eventi collaterali all’uscita della graphic novel, compatibilmente con il difficile periodo che stiamo vivendo, per celebrare l’anniversario dei settecento anni dalla morte di Dante Alighieri?

L’uscita del libro verrà accompagnata da tutta una serie di presentazioni online (a cominciare da due anteprime, una il 21 marzo e l’altra il 25 per il Dantedì) salvo poi tornare in presenza in Aprile, quando siamo sicuri (vogliamo essere ottimisti) che si potrà tornare gradualmente “in presenza”.

  • Avete pensato alla possibilità di pubblicare l’opera integrale della Divina Commedia in graphic novel, e non solo una selezione di canti per ogni Regno? Cosa ne pensano gli autori?

Assolutamente sì, ci abbiamo pensato e gli autori sarebbero contentissimi. E’, ovviamente una questione di costi, perché una simile attività richiederebbe un impegno notevole (anche per il lettore). Per cui diciamo che incrociamo le dita e speriamo nel successo di queste uscite, per poter bissare questo successo con le opere integrali.

> ChiaraEdizioni
> Ibs

Share Button
Written By
More from ukizero

Loris Dalì: “Scimpanzè” ..il disco.

Canzoni, spesso autobiografiche, su amore e morte, crisi e felicità... che danno...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.