In Parlamento e dintorni

Racconto breve di Dario Marcucci

I

Il vecchio Presidente si avvicina ai due Onorevoli che fanno la fila, in attesa del proprio turno. Una Deputata non ancora trentenne, e un Senatore dai capelli bianchi piuttosto lunghi e molto ben curati.

Il Presidente avvolge entrambi in un abbraccio paterno, palpando con le mani scheletriche -soprattutto- la carne fresca della Deputata: il sangue, o quello che rimane, ancora gli friccica.

– Signori miei -dice- come vedete tutto va per il meglio. E lei, sciocchina, che pareva un pulcino spaurito la prima volta qui dentro, che ne dice ora? Non va tutto come deve?-

-Signor Presidente- fa la giovane Deputata – è proprio così! Oggi mi vergogno della mia ingenuità; in fondo non so come ci sia finita qui con voi, ma a poco a poco sto imparando, sto capendo…-

-La ragazza fa progressi signor Presidente- interviene il chiomato -e pensare che solo una decina di giorni addietro continuava a ripetere la solita solfa che gli avevano insegnato, come un automa.-

– Suvvia- fa il vecchio, comprensivo -l’importante è che ora questa birbantella abbia capito che certi sproloqui, di qualunque natura siano, li conserviamo per “quelli di fuori”: qui è tra amici; anzi, qui siamo una grande famiglia… però, caro Senatore, lei, che in certe arti è maestro, lo sa meglio di me: è importante che la giovane leva non dimentichi gli slogan e le pappardelle che l’hanno portata qui. Non le dimentichi, signorina, le raffini anzi… le renda più… come dire, accattivanti; ci metta del pepe, le condisca! Più saranno condite e più “quelli di fuori” se le inoculeranno in quei cerebri atrofizzati. Il teatrino pubblico, il gioco delle parti, è il nostro palcoscenico.-

-Signor Presidente, questi suoi consigli sono un miele per me.-

Intanto la fila scorre, e i tre si avvicinano al bancone del bar.

-E lo credo bambina mia. Non sono arrivato alla soglia dei novanta, muovendo ancora le fila di baracca e burattini, per grazia ricevuta. Sono stato aiutato, certo, e io stesso ho aiutato i miei compagni, da buon camerata; qui ci si aiuta tutti, ci si sorregge. Questa è una vera comunità: ma che ne sanno “quelli di fuori”, persi nelle loro beghe e dietro le loro pie illusioni. Deve sapere signorina, che addirittura mi è capitato…-

-Oh bene, è il nostro turno!-, interviene il Senatore, a interrompere chissà quale rivelazione.

Gino, il barista, consegna le tre bustine di plastica, ben sigillate, al terzetto. Il Presidente si fa ammiccante:

-Ora, tesoro mio, non mi dica, che non sa come si prende questa medicina…-

-Signor Presidente, in questo non c’è nulla che possa insegnarmi.-

-Si vedrà, si vedrà! Venga con me, sarà un dolce rendez-vous. Lei si unisce, Senatore?-

-Mi piacerebbe signor Presidente, ma ho un affare urgente da sbrigare.-

-Vada allora, vada.-

E va.

 

II

Il Senatore, dopo esser passato alla Camera d’appartenenza a salutare qualche amico, esce da una porticina secondaria e si ritrova in strada. L’auto blu gli inchioda davanti con tempismo perfetto. Alla guida c’è Malacòth, il suo autista e uomo di fiducia. È questi un nano molto cattivo, dai capelli rossi e dalle numerose lentiggini sul viso. Per una malformazione congenita, zoppica vistosamente dalla gamba sinistra.

-Caaaaro Senatore- fa con voce lasciva -salga, salga in macchina.-

-Parti, parti Malacòth, ho bisogno di rilassarmi. Portami in quei posti che conosci tu, aggi’ a respira’.-  (il Senatore è napoletano, e quando si lascia andare tradisce leggermente l’indole partenopea).

L’auto blu sfreccia per il centro storico, in barba ai divieti e alle leggi vigenti; nel mentre Malacòth confabula al telefono per organizzare al meglio il relax del Senatore.

-Accelera! Accelera perdio!-

-Ci siamo quasi Senatore; all’hotel Palace ci aspetta Rosi la negra. L’Onorevole Augusti ha ben riferito sul suo modo di lavorare.-

-Sì, la negra! La negra – blatera il Senatore che ormai non ragiona più.-

-Vecchia volpe, so io che ci vuole per lei!- commenta il nano strizzando gli occhi e scaccolandosi.

-Non fa’ o’ guappo, che so’ sempre io che ti do da vivere.-

Giunti all’hotel, il portiere, avvezzo a tali operazioni, indica la suite già predisposta, con negra annessa, al Senatore e al suo portaborse.  Malacòth aspetta fuori, ma prima passa un’altra bustina al suo datore di lavoro.

-Tenga, tenga qui. Che credeva? Che il vecchio Malacòth non gliela portava?-

-Dammi qui, non mi ferma nessuno! La medicina mi sarà utile per domare questa bestia negra. So’ ‘na ruspa! So’ incontenibile!-

Il nano resta rannicchiato a gambe incrociate contro la porta chiusa della suite; da dentro arriva presto un concerto di grugniti e insulti, a invadere il corridoio dell’hotel Palace:

-Aaah! Aaaaaah! Negra! Negra! Zulù! (con accento napoletano) Te piace l’Italia? O sient’ o’ cazz? Piglia, piglia sta medicina… zoccola! Aaah! Mo’ t’aggi’ a sfunnà a vucc’, te piace a papaja eh? Bucchina!-

Poi silenzio. Non passano altri cinque minuti che il Senatore prende a gridare, invero con piglio femmineo! Malacòth irrompe nella suite, e s’offre alla sua vista tale spettacolo: il Senatore, completamente nudo, in ginocchio sul letto matrimoniale. Rosi la Negra riversa a terra, sul tappeto, con la testa rovesciata, la bocca semiaperta e un rivolo di bava che le cola tra le grosse labbra con le quali lavorava. Sotto il naso schiacciato c’è un nugolo di polverina bianca.

-San Gennaro!-

-Senatore mio, che ha combinato! Rosi c’ha lasciato le penne…-

Il senatore, improvvisamente pallido, poi viola, e poi di nuovo pallido, prende a piangere disperatamente.

-Aiutami tu, misero nano, aiutami! La mia vita, il mio lavoro…-

-Stia calmo, stia calmo bravuomo. Ci pensa il suo nano da battaglia a risolvere il problema. Si vesta lei, vada in un’altra stanza e mi aspetti lì. Faccio una telefonata e ci sbarazziamo di questa grana. Questo animale non è mai nato. Del resto non si fa così, quando tali fatti non son altro che accidenti? E lei non ha nemici che la vogliono mettere in mezzo, lei ha me! Si calmi Senatore, che Malacòth risolve tutto.-

Respirando a fatica, il Senatore pare ricomporsi:

-Mio Dio, che storia guaglio’… è stato comunque un diversivo. Devo tornare al lavoro. Mi raccomando amico mio, fai tutto per bene, fai tutto per bene che so essere molto generoso.- dice allisciandosi teneramente il ventre.

-Lo so bene- risponde il nano con un ghigno cattivo -lo so bene Senatore.

 

III

Mi tirai su le braghe con quel senso di sconforto che sempre mi avviluppa in tali frangenti, e mi ritrovai a rimpiangere la mia debolezza. Antonella si pulì il labbro inferiore con un fazzolettino e rinforcò i suoi occhiali compiaciuta… gran mignotta, gran mignotta che era!

-Allora commendatore- mi fece -adesso direi che siamo d’accordo?-con un sorrisino, un ghigno anzi, quasi mefistofelico. In risposta mi limitai a grugnire.

Rimise nella sua borsa in pelle da centinaia e centinaia di euro (chissà quale manzo s’era lavorata per quella), l’insulso curriculum vitae corredato di lettere di presentazione e quant’altro, una confezione di preservativi e una piccola trousse per rifarsi il trucco.

-Ci vediamo presto commendatore, mi stia bene.-

-Uhmf…-

Mentre usciva dal mio ufficio, dimenando il sedere e stacchettando rumorosamente sul parquet, pensai che quella gran troia, nel giro di poco tempo, sarebbe diventata un ministro della Repubblica.

Ebbi ragione.

di Dario Marcucci

Share Button
Written By
More from ukizero

Intervista a Simone Giusti, autore del romanzo “Scacco matto al re bianco”

Giusti è un affermato scrittore il cui ultimo romanzo è un intreccio...
Read More

8 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.