Il Giorno della Quaglia [23/10/2015]

Tutte le notizie analizzate da un temibilissimo pennuto... [Puntata n° 18]

Cari deMarinizzati,
come state?
A) Bene, grazie.
B) Di merda, ma si tira avanti.
C) Appena sveglio ho acceso la TV e c’era Filippo Facci, vedi un po’ tu.

La Terza Guerra Mondiale è finalmente alle porte, con i Russi che bombardano chi si ribella a regimi appoggiati dagli Americani, gli Americani che bombardano per sbaglio malati e medici volontari, Nord Coreani tutti emozionati all’idea di appoggiare chiunque nella galassia sia contro gli Americani e l’Italia, che non può perdere questa splendida occasione di finire nella merda e quindi dichiara al mondo intero di essere pronta ad appoggiare.. indovina chi?
Sì, gli Americani.
È come in un’assemblea condominiale dove 198 condomini su 200 odiano a morte un tizio per la sua prepotenza e un piccolo omino, magro, palliduccio e piuttosto sfigato alza la mano per dire: “Beh, sapete che vi dico? Andate tutti e 198 affanculo, io appoggio LUI e sono pronto a fare a botte con tutti voi!”.
Pausa.

Risate generali.
Altra pausa.

Risate più forti.

A dire il vero, la Terza Guerra Mondiale è l’ultimo dei nostri problemi, ne abbiamo di più seri da risolvere. Primo fra tutti, le dimissioni di Ignazio Marino da Sindaco di Roma. L’intero Bel Paese è sconvolto da questo vero e proprio terremoto sociale, paragonabile agli attentati degli anni di piombo e alla Mucca Pazza.
Ma che dico? Le dimissioni di Marino sono un vero e proprio cataclisma per l’intera umanità, secondo per gravità solo all’invasione dei granchi reali nei mari del Nord.
Da quando ho saputo che Marino si è dimesso, io per esempio non riesco più a cagare, continuo a mangiare yogurt alle prugne ma senza risultati; la notte mi sveglio di soprassalto, madido di sudore, col battito del cuore impazzito e i peli delle braccia intirizziti, mi alzo in stato confusionale, non riesco a trattenere le lacrime e parlo in modo insensato. A volte esco di casa in pigiama e grido verso il nulla piangendo, corro per la strada come il povero Peter Falk, implorando il dio di Abramo di prendermi come olocausto in cambio del ritorno di Marino sullo scranno di Roma.
Un momento, stai calmo, forse non tutto è perduto, un lume di speranza c’è ancora: Marino ha venti giorni di tempo per ripensarci.
Venti giorni per ripensarci?!
Ma porca puttana, la gente comune non ha questi privilegi. Se vai dal capo e gli dici “Ciao boss, io mi licenzio”, dopo mezz’ora quello si è già rivolto a 35 agenzie interinali e prima ancora di raccogliere la tua roba c’è già un tizio che sistema il suo piccolo cactus sulla tua ormai ex scrivania.
Venti giorni per ripensarci, tsè..
Se fossi stato il tizio che ha raccolto le dimissioni di Marino gli avrei detto “Beh, ragazzo mio, se volevi 20 giorni per pensarci te li prendevi prima di dimetterti, ora te ne puoi andare a raccogliere rane nei fossi”.
Non ci si può fidare proprio di nessuno. Marino mi stava simpatico, era una persona per bene, uno di quei chirurghi che per fare trapianti urgenti di reni ti chiede 500 milioni di lire in cambio di un’operazione rapida, altrimenti aspetti sei mesi.
No Ignazio, non ti scomodare a querelarmi, stavo solo scherzando, io non credo al racconto reale che pochi giorni fa a Milano mi è stato fatto dai diretti interessati, sono dei mitomani.
Però davvero ogni giorno rimango deluso da qualcuno.
L’altro giorno il mio salumiere mi ha venduto un prosciutto crudo da 18 mesi spacciandomelo per uno da 24, non sapendo che io avevo una salumeria e conosco la differenza.
Un colpo al cuore.
Ho pianto molto, seduto per terra in cucina, con la schiena appoggiata al frigorifero e la busta del salume in mano, ma poi ho pensato: beh, se la Volkswagen può truffare il mondo intero per anni barando sull’inquinamento prodotto dalle sue auto e premiare un dirigente dimissionario con milioni di euro, allora anche il mio salumiere ha il diritto di prendere per il culo la gente sui mesi di stagionatura del prosciutto crudo.
La Volkswagen che truffa milioni di persone, da non credere. È come scoprire che Marco Polo per scrivere “Il Milione” ha scopiazzato la Smemoranda di un compagno di viaggio.
È come scoprire che Saddam Hussein non aveva armi di distruzione di massa e l’America aveva inventato tutto per accaparrarsi il petrolio in Kwait.
Vabbè, ho sbagliato esempio.
Tutti mentono, è l’era delle palle stratosferiche: più grosse si sparano, più successo si ottiene.
L’ultima che ho sentito qualche giorno fa è degna davvero di un premio speciale, l’Oscar delle cazzate.
Questa mi piace, quasi quasi apro una nuova mini rubrica.. signore e signori:
L’Oscar delle Cazzate“..
Giuseppe Sala, Commissario Unico Delegato del Governo per Expo Milano 2015 e Amministratore Delegato di Expo 2015 S.p.A., intervistato di primo mattino su Rai Uno ha detto che Expo ha già avuto 20 milioni di visitatori ed entro la fine di Ottobre si prevede l’arrivo di altri 5 milioni.
Stavo bevendo il caffè, ed ho pensato “Porca vacca, una cagata così grossa non la sentivo da quando Harrison Ford disse di non voler più interpretare Indiana Jones”.
E allora… il Toronto Sun del 24 ottobre 2015, pubblicando la classifica dei musei più visitati al mondo nel 2014, mette in testa il Louvre con i suoi 9,2 milioni di turisti. Già vedo la vostra espressione incredula e confusa, ma state tranquilli perché avete capito bene: in un intero anno il Louvre, il museo più visitato nel pianeta Terra, quello con la “Gioconda” che vi sorride perché un mariuolo vi sta togliendo il portafogli dalla tasca mentre la guardate, ha avuto 9.2 milioni di visitatori mentre in soli 5 mesi e mezzo l’Expo di Milano, aperto poche ore al giorno, avrebbe già ricevuto la visita di 20 milioni di persone.
Qual è il segreto di un afflusso così impressionante? Chiunque abbia visitato l’Expo lo sa: all’ingresso dei padiglioni hanno affisso un mega poster con la foto di Matteo Renzi vestito da Ralph Supermaxieroe che sodomizza il Koala di Georgie mentre dalla sua bocca esce il fumetto con scritto “Koala stai sereno”.
Un successo straordinario.
Sono uno sensibile, se non mi tolgo subito dalla testa quell’immagine ricomincio a piangere seduto per terra in cucina, quindi la chiudo qui.

.

Miei cari lettori, vi ricordo che potete scrivermi a liberopensieroberto@libero.it per suggerirmi notizie attuali da commentare, oppure per dirmi quello che vi pare e piace, purché non mi chiediate aggiornamenti sullo stato di salute del Koala; potete seguirmi anche su Facebook e Twitter e, se siete dipendenti di Google, potete anche seguirmi sotto casa visto che mi spiate da 18 anni.
Un caloroso abbraccio a tutti e, ricordate: se vi fermate a guardare un quadro mono colore con un graffio in mezzo alla tela e pensate che fa cagare, non permettete a nessuno di convincervi che quella è un’opera d’arte fantastica: quel quadro fa davvero cagare e dentro di voi alberga l’unica verità.
Buona lettura a tutti.

.

Serpico in politica – 08 Settembre 2015
Francesco Vincent Serpico, il poliziotto italo americano che nel ’71 denunciò la corruzione dei suoi colleghi e che ispirò il famoso film con Al Pacino, si è candidato in una lista elettorale per governare Stuyvesant, un paesino di poco più di due mila persone. Il primo punto del suo programma è il divieto di pronunciare la parola “Pacino”.

Trapianto di testa, pronta la prima cavia – 17 Settembre 2015
Dopo aver annunciato di voler effettuare il primo trapianto di testa nel 2017, Sergio Canavero, direttore del Gruppo avanzato di Neuromodulazione di Torino, ha ricevuto la candidatura spontanea di Valery Spiridonov, trentenne russo malato di atrofia muscolare. Il giovane farà da cavia per l’incredibile esperimento a patto che nel nuovo corpo gli vengano innestati sia un pene che una vagina, un seno femminile, una pinna di silicone al posto del piede sinistro e un bastone da selfie incastonato nell’ombelico.

Approvata la riforma del Senato – 13 Ottobre 2015
Con 179 sì, 16 no e 7 astenuti, il Senato approva il ddl Boschi per il superamento del bicameralismo paritario. La Camera dei Deputati sarà formata da 300 eterosessuali, 300 omosessuali e 300 bisex, così da garantire il più alto numero di combinazioni possibili, mentre il Senato verrà allestito da night club con aree privè e video terminali che trasmettono in diretta immagini dai bagni dei deputati.

Volkswagen chiede scusa su La Stampa – 15 Ottobre 2015
La casa costruttrice ha acquistato una pagina sul quotidiano La Stampa per chiedere scusa ai clienti italiani e proporre loro la soluzione al problema delle emissioni falsificate, cioè la sostituzione gratuita dei marchi di metallo VW con quelli della Fiat-Crysler.

Raggirata la sorella di Sordi, 10 a processo – 20 Ottobre 2015
Sotto inchiesta 10 persone per il presunto raggiro di Aurelia Sordi, sorella del famoso Alberto, che in punto di morte ha modificato in loro favore il proprio testamento. L’avvocato dei veri ereditieri dice che la signora non era in grado di intendere e di volere perché mentre firmava era convinta di essere la sorella di Vittorio Gassman.

Medici arrestati a Roma – 21 Ottobre 2015
17 misure restrittive hanno colpito medici e personale della casa di cura Ospedale Specializzato Israelitico di Roma. Le denunce erano partite da pazienti ebrei che si sono rivolti alla polizia subito dopo aver scoperto che nelle tv delle sale d’aspetto trasmettevano anche le puntate dei Griffin.

Processo Why Not, Assolto De Magistris – 21 Ottobre 2015
Il Sindaco di Napoli è stato assolto dall’accusa di abuso d’ufficio relativa all’inchiesta Why Not, da lui stesso portata avanti al tempo in cui era Magistrato. Ai microfoni dell’Ansa De Magistris ha dichiarato “Azz, non mi ero mica accorto che in quell’inchiesta ero io l’indagato. Ma siete proprio sicuri di ‘sta strunzata e’notizia?”.

Nozze fra tre donne in Brasile – 21 Ottobre 2015
A Rio De Janeiro, il notaio Fernanda de Freitas ha celebrato le prime nozze poligame fra tre donne. “È una misura di risparmio anti crisi”, spiega il notaio: “Per sposare sei persone celebriamo due nozze anziché tre”.

Oggi è il “Ritorno al Futuro Day” – 21 Ottobre 2015
Gli appassionati di cinema oggi festeggiano il BTTFDAY (Back to the Future Day), in omaggio al secondo episodio della famosa saga di Robert Zemeckis. Per l’occasione nelle sale cinematografiche verrà proiettata la versione integrale del film, molto più fantasiosa, in cui si prevedeva che nel 2015 una super potenza nemica sarebbe stata governata da un ex agente segreto folle, la TV avrebbe funzionato solo tramite satelliti che non funzionano e i rapporti anali sarebbero stati possibili solo dopo l’approvazione della CEI.

 

Roberto D’Izzia

 

Share Button
More from Roberto D'Izzia

Il Giorno della Quaglia [10/04/2015]

Tutte le notizie analizzate da un temibilissimo pennuto
Read More

21 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.