Il Branco: in esclusiva l’Ep omonimo! [Da oggi sui digital store]

Il Branco è un cantautore, il Branco è una sola moltitudine

C’è tutta l’urgenza di analizzare e affrontare il presente con le sue precarietà e le sue angosce, ma anche l’ansia di capire come fare per gestire e costruire la Bellezza in questa quotidianità che spaventa, nell’Ep de Il Branco: primo lavoro autoprodotto omonimo del gruppo che lo ha fatto crescere e donato al mondo.

È una goduria per noi di Uki parlarvi in esclusiva di questo primo Ep della band, un lavoro fatto di quattro tracce disposte due per lato, come nella migliore tradizione analogica. La scelta di distribuire l’Ep in vinile, infatti, è dovuta al calore e alla ruvidità tipica di questo supporto, specchio perfetto della band. «L’urgenza, i graffi, le distorsioni, lo stomaco ristretto dai crampi, i nodi alla gola che continuano a legarci, quasi a soffocare o a liberarci (..come descritto nel brano “Per Sciogliere i Nodi”).. sono l’ispirazione per la foto della donna in copertina, di schiena, a darci le spalle per guardare la fine o l’infinito, uno sfondo indefinito dove tutto è possibile, speranze o buio da illuminare», così Sofia Bucci, l’artista che ha creato l’artwork del vinile, descrive l’ideazione del packaging.

Ebbene, dall’analisi delle dinamiche che governano il mondo in cui le ruote dentate mordono il tempo negli spazi che ci siamo ritagliati e in cui il futuro non appare altro che un tentativo (“Il Teorema di Neaderthal“), attraverso un’atmosfera che diventa sempre più cupa e che scurisce l’anima, Il Branco ci trascina tra “Inferni e Primavera“, in cui le primavere collassano e la verità diventa richiesta ossessivamente urlata.
E non è finita, il lato B si apre con l’acidità di “Lettera Aperta in Due“, in cui il timore di Dio è eclissato dai colpi di reni con cui si reagisce alla forma dell’amore, e si scioglie in un’ossessiva ripetizione di una domanda tutt’altro che facile: «Dove sono i gomitoli per evitare gli ostacoli?», in cui un Teseo moderno cerca di uscire dai propri labirinti esistenziali (“Per sciogliere i nodi“).

Ecco, come non avremmo potuto parlarvi di una giovane band emergente come questa. Si tratta di un debutto cazzuto, non c’è dubbio, soprattutto per lo spessore dei testi di Francesco Gambini, che accostano la band ad un progetto cantautorale deframmentato solo da un approccio alternativo tipicamente rock, indie… ricamato da venature acustiche subito accompagnate da botte elettriche. I suoni di chitarra acustica ed elettrica, sintetizzatori analogici, percussioni acustiche e pad elettronici formano un tappeto perfetto per la voce di Nicola Pressi, a creare un mood avvolgente ma allo stesso tempo pungente capace di coinvolgere ogni attento ascoltatore. Un’esperienza da provare..

.

.

Nicola Pressi: voce / chitarra
Francesco Gambini: testi / tastiere
Leonardo Pressi: batteria / drum pad

IL BRANCO su:
> Spotify

.

> Pagina Facebook

 

Share Button
Written By
More from ukizero

Esercizi drammaticali

Preghiera dell’ubriaco...
Read More

10 Comments

Rispondi a Lorenzo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.