I Segreti dei Sogni (Part. 5)

Tecniche ed esempi pratici per interpretare i sogni...

.Tecniche di interpretazione

Il primo approccio per interpretare un sogno è quello di leggere il sogno e poi ripeterlo a voce alta; subito dopo, lasciare andare la mente utilizzando il metodo delle libere associazioni, ossia scrivere la prima cosa che quella data scena, situazione o sentimento del sogno, vi fa venire in mente o vi suscita emotivamente, partendo dalle parti del sogno sottolineate.

Non frenate nessun pensiero ne emozione, anche se sconveniente o inopportuno.
Una volta scritte le associazioni, anche se vi sembrano irrazionali e non logiche, fate andare la mente avanti e indietro nel tempo, cercando un periodo o una circostanza, dove avete provato la stessa emozione. Annotate anche il risultato di questa fase ed ora passate alla successiva.

Quindi dovete farvi delle domande, scrivendo le risposte:
1. che cosa mi fa sentire questo sogno?
2. che cosa associo all’immagine del sogno?
3. che cosa mi è accaduto di importante nei giorni scorsi?
4. che cosa ho fatto ieri?
5. di che umore ero?
6. questo sogno ha aspetti che mi appartengono?

 .

Intervista da un alieno

Se ad esempio avete sognato che facevate il bagno in un mare tropicale in bikini… fatevi delle domande come se vi intervistasse un alieno che non sa nulla della Terra, immaginate che raccontandogli questo sogno lui vi chieda:
– Cosa è il mare per te?
– Perché si fa il bagno al mare?
– Cosa provi facendo il bagno?
– Cosa è un bikini?
– Perché lo si usa al mare?
– Cosa sono i tropici?
– Perché ci si va?

 .

Interpretare i simboli metaforici maggiormente significativi

Quali sono le persone o gli oggetti che ti emozionano maggiormente o che attirano maggiormente la tua attenzione nel sogno?
Sottolinea i simboli metaforici (in genere tre o quattro) che senti più rilevanti.
Inscenare un singolo simbolo metaforico alla volta.

Questi simboli onirici sono la finestra entro la quale affacciarsi nell’inconscio per svelare il significato del sogno. Vanno interpretati uno per volta e ci immedesimiamo in essi, ossia immaginiamo di essere quella persona o quell’oggetto o entriamo mentalmente nel luogo del sogno, e ci chiediamo mentalmente:

– Quale desiderio può nascondere il sogno?
– Come mi sento?
– Perché mi sento così?
– Cosa vorrei fare?
– Qual è il mio bisogno?
– Cosa voglio rappresentare di me stesso?

Mentre insceniamo un simbolo metaforico, manteniamo sempre un certo livello di attenzione alla possibilità che si verifichi un “insight mentale” sul sogno, ossia una grande intuizione, che all’improvviso apra una finestra di luce su tutto il sogno.

Un insight può manifestarsi, ad esempio: “Ecco cosa rappresenta il porto con le navi all’ancora: la mia paura di andare fuori dalla mia zona di confort!”. Oppure: “Ho capito: il mio amico rappresenta nel sogno la mia parte debole!”.. e così via.
Questa modalità vi permetterà di andare più in profondità, e collegando queste risposte alle tecniche messe in pratica prima, avrete un quadro completo, una serie di puzzle, che ora facilmente dovreste abbinare e vedere in un’immagine unica: il “senso del sogno”.

 

Interpretare un sogno significa anche svelarne la natura equilibratrice e evolutiva, fungendo da auto terapia con grandi risultati positivi, sull’autostima e l’autoefficacia, in quanto saper ricondurre i vissuti e le sensazioni sognate a fatti ed eventi reali della propria vita da grande lucidità e serenità, perché si comprende più chiaramente il proprio percorso esistenziale in un contesto di crescita personale.
Comprendere parti di noi che prima erano nel limbo del nostro inconscio, infatti, ingrandisce e ridefinisce i nostri confini ed aumenta il nostro valore. Come in una illuminazione, la persona improvvisamente comprende qualcosa che prima gli era oscuro, risolve un conflitto interno, coglie nuovi significati e intuisce relazioni tra aspetti di se stesso e della propria vita.
Nuova luce, quindi nuova comprensione, porta la persona a focalizzare meglio le situazioni problematiche e ad esse trova soluzioni nuove; coglie con chiarezza quali siano i suoi bisogni e svela come agire per il loro appagamento. Essendo più chiaro se stesso diventano più chiare le scelte da fare. In ambito psicanalitico viene chiamato “insight”.

.

Un Esempio pratico

Facciamo ora un esempio dove applicheremo tutte le strategie sin qui illustrate del nostro metodo.
A questo scopo, utilizzerò un sogno di una persona reale.

La persona in questione, è un mio cliente al quale stavo facendo il corso: “Re-Inventati e trova lavoro”, un giorno, sapendo delle mie competenze in materia di sogni, volle raccontarmi il suo sogno fatto la notte precedente. Il suo obiettivo principale era rappresentato dal fatto di voler avviare una sua nuova attività professionale.
Egli aveva dei cali di autostima, che gli creavano molti dubbi sulla riuscita e se ce l’avrebbe fatta.
Ecco il sogno: mi trovo nella gioielleria di mia madre, nel sogno lavoro ancora con lei. La saluto e saluto anche la sua nuova collaboratrice, poi esco per andare a parlare con un potenziale cliente. Guido con la mia Mercedes su una strada panoramica. Ammiro gli alberi e il sole splendente lungo la strada. Mi sento felice e sereno. Parcheggio vicino un muro antico e fatiscente che mi trasmette una brutta sensazione. Torno dal cliente.

Ed ora facciamo finta di essere il sognatore mentre interpreta il proprio sogno.
1. Riviviamo mentalmente il sogno dall’inizio alla fine.

2. Ci sintonizziamo sugli aspetti emotivi: il sogno nel complesso è positivo. C’è un clima generale di felicità, incrinato solo da quel muro vagamente minaccioso davanti al quale parcheggiamo la macchina. L’emozione di entusiasmo che rimane dopo il sogno è comunque positiva.

3. Individuiamo e sottolineiamo i simboli onirici rilevanti. Ci chiediamo: “Quali sono stati i simboli metaforici più importanti, quelli che hanno attirato maggiormente la mia attenzione, quelli che mi hanno coinvolto emotivamente di più?”. Ci rispondiamo: “Mia madre, la sua nuova collaboratrice, la strada panoramica, la Mercedes, il muro vecchio”.

4. Cominciamo ainscenareil simbolo metaforico della madre: visualizziamo mentalmente la madre nel sogno e diventiamo lei. Immaginiamo di agire e sentire come farebbe lei. Ci ripetiamo mentalmente:“Sono la madre del sogno”. Ci chiediamo: “Come sto?”, ascoltiamo dentro di noi e sentiamo emergere la risposta: “Bene, mi sento forte e decisa”.
Continuiamo l’interpretazione del simbolo metaforico con le altre domande suggerite.

– “Perché mi sento così? Perché voglio riuscire e avere successo”.
– “Cosa voglio fare? Vorrei saper fare bene il mio lavoro”.
– “Voglio che la mia gioielleria cresca ed abbia successo”.
– “Di cosa ho bisogno? Di tempo, per lavorare bene. Di più clienti”.

Dopo questa ulteriore interpretazione, ci chiediamo anche:
– “Cosa rappresento con questo sogno?”.

Ricordiamoci che i simboli onirici rappresentano parti di noi, per cui articoliamo la risposta in prima persona: “Sono la parte di me che è forte, che vuole saper lavorare bene, che è decisa a riuscire mediante il corso che sta facendo”.
Procediamo allo stesso modo a inscenare e a esplorare gli altri simboli metaforici interessanti.
Ricordati che un sogno ha tanti sensi e tante soluzioni, come gli strati di una cipolla, sempre più in profondità e ugualmente tutti veri.
Nel nostro esempio scopriamo che la nuova collaboratrice rappresenta la sua creatività ed il suo talento, ma anche il suo essere giovane dentro.
La strada rappresenta la visione del suo percorso professionale, panoramico (vedrà tante cose nuove) e pieno di luce (scoprirà nuove parti di se), l’entusiasmo per il suo nuovo lavoro e contemporaneamente i nuovi livelli di crescita personale che abbiamo fatto prima di dell’inizio alla sua professione.

La macchina rappresenta lo status simbol desiderato, un’auto elegante, affidabile, robusta e da persona di successo.
E il muro vecchio e cadente? L’unico simbolo oscuro del nostro sogno? Scopriamo rappresenta la sua parte con le vecchie convinzioni limitanti, quelle che gli avevano precluso il successo sino ad ora e che ora sono appunto oramai vecchie, ossia pronte a morire.

Proviamo a continuare ancora per vederle nel dettaglio:
Immaginiamo di essere la madre e di parlare rivolgendoci al muro: “Il successo lo avrò, perché io sono forte e motivato. Non vedo proprio come tu potresti ostacolarmi”.
Immaginiamo poi di essere il muro vecchio che afferma: “No non ce la puoi fare, non sei abbastanza forte ne competente. Nel mondo ci sono migliaia di persone migliori di te”.

Siamo giunti al dunque, il conflitto tra il desiderio di farcela e le paure inconsce del mio cliente: ogni parte del sogno, raffigura e mette in scena una parte diversa di se stesso.

Rendersene conto da una grande forza e chiarezza nel superare tutte le sue convinzioni limitanti e aumenta esponenzialmente le possibilità di farcela.
Il sogno finisce con lui che va dal cliente, ossia: supero i miei conflitti e vado verso il mio nuovo cliente del mio nuovo lavoro.

 

Interpretazione estesa del sogno:
“Vi è in me una parte che aspira al successo e che è disposta ad impegnarsi onestamente (mia madre). Mi riconosco anche un’altra risorsa: sono creativo e dotato di entusiasmo (la collaboratrice di mia madre). Ho le risorse per farcela. È giunto il momento di avviare la mia attività professionale (esco con la Mercedes e mi reco dal cliente). C’è anche in me un senso di paura, di insicurezza personale dovuto a credenze limitanti (il muro vecchio), tuttavia ho la capacità di non farmi bloccare da questo grazie al mio percorso di crescita personale. È sicuramente un aspetto con cui ho già fatto i conti e che non ha più il potere di bloccarmi dal riuscire nella vita, io non glie lo permetto”.

 

Può essere di ulteriore aiuto, per interpretare al meglio un sogno, sapere che spesso il sogno si limita a esprimere i sentimenti che il sognatore nasconde a se stesso, la difficoltà consiste talvolta nell’identificare il desiderio in questione. Attraverso il sogno, accade che si confessi a se stessi, che la propria aspirazione profonda è un’altra, rispetto a qualcosa di già presente nella propria vita. L’inconscio suggerisce, che la tua visione abitudinaria della vita nasconde una volontà differente, il tuo sogno ti ricorda la vera natura dei tuoi desideri.
Il sogno mette così in evidenza ciò che separa il pensiero cosciente e il desiderio inconscio/inconfessabile; ciò che ti fa agire in un determinato modo e giudichi “buono per te”, è un’insieme di leggi morali e convenzioni sulle quali si fonda la tua vita, e questo si traduce nel tuo pensiero cosciente.
Ciò che credi coscientemente “rappresenti un pericolo”, per la tua vita abitudinaria, che possa sconvolgere le tue relazioni e il modo di vivere, ma che comunque desideri, rimane in fermento nell’inconscio, ed esso ne reclama l’appagamento del suo/tuo desiderio ed uno dei suoi modi per dirlo sono i sogni.
Interpretare i propri sogni, permette di capire alcune mancanze della vita reale e di rimediarvi. Questo non significa che, dopo un sogno, si debba cambiare il proprio stile di vita, ne i rapporti con gli altri. Il sogno spesso da indicazioni dalle quali poi è possibile giungere ad un maggiore equilibrio esistenziale.

 

Giorgio Del Sole

.

.

> I SEGRETI DEI SOGNI (Part. 1)

I SEGRETI DEI SOGNI (Part. 2)

> I SEGRETI DEI SOGNI (Part. 3)

> I SEGRETI DEI SOGNI (Part. 4)

> Per approfondimenti dal nostro Guest Blogger: “Giorgio Del Sole – Per modellare nell’eccellenza il tuo mondo interiore

.

Share Button
Written By
More from ukizero

Quando mi accusarono di uxoricidio

Opera di scrittura creativa ed elaborazione fotografica di Edoardo Vitale
Read More

13 Comments

  • ho sognato un mare di cacca, poi alcuni giorni dopo nuovamente cacca ma questa volta tipo quella delle capre ????—-Grazie

  • Io non ricordo mai quel che sogno. Devo cominciare ad usare queste tecniche…
    Grazie a Del Sole per questi preziosi consigli…

  • io cercherò di comprare direttamente il libro . è davvero interessante e importante direi…mi servirà… sempre grande De Sole!!!!!

  • tutto sembra basarsi sul fatto che …. farsi domande immedesimandosi nell’oggetto/simbolo dovrebbe automaticamente attivare un insight mentale , che ci fa quindi capire e intuire il senso del sogno … e se non accade? anche perchè è più o meno quello che già si fa col senso comune…
    ..non la vedo facile … 🙂

    • Ciao Rocco, grazie della iterazione al mio post, un consiglio; Ogni associazione libera collegata al sogno è giusta, quindi non cercare quella esatta, ma quella che è un po più profonda della precedente, come gli strati di una cipolla, tutti veri, fino allo strato vicino al cuore…

  • in effetti la tecnica sembra essere quella di immedesimarsi nell’oggetto o nella persona del sogno e farsi delle domande per capire la natura di quel “protagonista”…

  • si anche dall’ esempio pratico alla fine dell’articolo sembra proprio che il nocciolo del metodo sia questo ….. ed anche a livello psicanalitico la tecnica e’ piu’ o meno quella …

  • gia’ immagino quanto mi divertiro’ .. e sara’ una salvezza per la mia anima …. grande uki!!!
    grazie a g.d.sole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.