Earthlings

Terrestri / Tu cosa scegli?

.«La crudeltà verso gli animali è tirocinio della crudeltà contro gli uomini».
(Publio Ovidio Nasone)

«Gli uomini fanno agli animali ciò che sono capaci di fare ai propri simili: gli allevamenti di bestiame e i macelli sono il prototipo dei campi di concentramento così come c’è analogia tra l’uso degli insetticidi e le armi chimiche, e via dicendo».
(S. Mordysnky)

«Con quale affetto, con quale pensiero o argomento il primo tra gli uomini ardì insanguinarsi la bocca, avvicinanarsi alle labbra la carne dell’animale morto, ponendosi di fronte i piatti, le vivande e il cibo di corpi uccisi, le membra che poco prima belavano, muggivano, si muovevano e vedevano? Come poterono sopportare gli occhi di scorgere l’uccisione di animali scannati, scorticati e smembrati? E l’odorato come soffrì l’odore? E il gusto come non inorridì per la lordura delle piaghe altrui e il sangue e il marcio delle ferite mortali?»
(Plutarco)

«E a forza di sterminare animali, s’era capito che anche sopprimere l’uomo non richiedeva un grande sforzo».
(Erasmo Da Rotterdam)

«Non esiste alcuna certezza che Dio abbia affidato davvero all’uomo il dominio sulle altre creature. E’ invece più probabile che l’uomo si sia inventato Dio per santificare il dominio che egli ha usurpato sulla mucca o sul cavallo».
(M. Kundera)

«“Non Uccidere” non si applica all’omicidio di una sola specie, bensì a tutti gli esseri viventi e questo comandamento fu scritto nel cuore dell’uomo molto prima di essere proclamato sul Sinai».
(Lev Tolstoj)

.

.
È difficile spiegare cosa sia “Earthlings“, per molti una propaganda filovegana/vegetariana/animailsta, ma sarebbe terribilmente inesatto, sarebbe ingiusto. Earthlings è un’indagine filosofica, il gesso che traccia una linea etica intorno all’uomo, linea che l’uomo non vuole vedere e se la vede di solito non aspetta molto prima di passarci sopra il piede.
Il documentario inizia con delle riflessioni che mettono l’uomo dentro l’ecosistema, facendo vedere come l’uomo sia uno tra tutti gli esseri viventi e cercando di smussare un po’ questa visione antropocentrica che si tende ad avere.
La questione non è sull’essere vegani o vegetariani o carnivori, la questione è: come ci comportiamo con le altre forme di vita? Quali diritti e quali doveri abbiamo? Come li rispettiamo?

Dopo l’introduzione, il documentario entra nel vivo, sempre narrato da Joaquin Phoenix e si divide in diversi capitoli che analizzano svariati ambiti dell’interazione tra uomo e ambiente e uomo e animali (sia di terra che di mare). Bisogna dirlo, ci sono delle scene terribili da vedere e terribili da accettare, perché non è facile pensare che l’essere umano sia capace di certe atrocità.
Il documentario è doloroso e necessario, porta il dono ambiguo e tagliente della consapevolezza, che richiede una certa dose di coraggio per essere accettato.

.

Nicholas Ciuferri

.

Qui c’è una scelta piuttosto forte, guardando questo qualcosa cambia:

Share Button
More from Nicholas Ciuferri

Ora e sempre resilienza [Roma 3 luglio 2015]

Una conferenza sulla solita situazione paradossale in cui le colpe sono ribaltate...
Read More

13 Comments

  • Ciao Ukizero. Questo è il mio punto debole, non posso vedere gli animali soffrire, provo un immenso dolore e piango! Onestamente mi sento impotente, troppe cose non funzionano, c’è troppa ingiustizia, troppa crudeltà! Siamo destinati alla catastrofe perchè non vedo una presa di coscienza incisiva! Non so, spero di riuscire a mantenere sempre viva la voglia di combattere ma questa sera mi sento un poco avvilita, devo ammetterlo! Buona notte!

  • dice bene ciuferri,qui si va al di la del mangiare carne o essere vegani ….. e’ un discorso etico.
    bel post. complimenti

  • i vegani a me rompono le palle
    io mangio carne
    però l’ho ridotta di molto. semmai solo per il discorso etico che accenna l’articolo e soprattutto il film, appunto
    pero’ e’ meglio che non parlo dei vegani
    🙂

  • Siamo una goccia nel ‘ universo in un ecosistema tra svariate forme di vita . Ma siamo diventati dei carnefici tremendi della vita
    A vedere il film qualcosa cambia , si Nicholas C .
    Grazie

  • senza fare la morale a nessuno o voler insegnare il credo; sono vegetariano da 5 anni e posso dire che, dopo un po di tempo, si inizia a percepire il mondo in termini differenti

  • sono calmo solo perché qua si va al di la del veganismo e si fa un discorso etico e biocentrico ….. cioè sulla questione della specie dentro madre terra . allora, si mi calmo e la cosa diventa degna di nota.
    grazie nicholas della segnalazione del film
    😉

Rispondi a Edoardo OM Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.