DIALOGO di un weekend libico..

Un "bordello" di armi e sesso..

ADAM: Che problema c’è stavolta?

UKI: Oh niente, sono solo deluso dalla mia ultima vacanza, dal momento che ormai l’ “uomo” non mi stupisce più di tanto! Sono appena tornato da un weekend in Libia.

ADAM: Ma sbaglio o c’è una guerra in corso da quelle parti?

UKI: Mah! O meglio si.. certo che si, dove cazzo vivi te! Ce ne sono centinaia di guerre oggi tra un Festival, un raduno politico, un party e un caffè e l’altro!

Avevo sentito dire dai miei “untori” che li giù c’era l’ultima frontiera del turismo sessuale, perciò mi son voluto regalare un weekend in nome della gnocca!

ADAM: Ah si! E come è andata?

UKI: Bè, sai bene che tipo di gente sono costretto a frequentare… i miei untori sono scienziati esaltati di nanotecnologia e intelligenza artificiale, sono computisti nelle stanze dei bottoni, perciò mi hanno vestito da soldato della Nato, e sono partito a caccia di gnocca!

ADAM: Io mi sarei preoccupato, i soldati non mi ispirano molto sesso…

UKI: Si vede che non sei mai stato in guerra!

ADAM: Macché…  non ho fatto neanche il militare!

UKI: Una sera tardi, eravamo a Misurata, abbiamo bussato ad una porta e i soldati armati hanno fatto uscire a forza le donne libiche più giovani con le armi puntate contro.

ADAM: Cos’è? Un gioco erotico che fanno i militari in guerra!

UKI: Interessante prospettiva in effetti… fatto sta che i soldati hanno cominciato a spingere le donne verso i ribelli Nato i quali hanno subito improvvisato un’orgia bestiale con queste ragazze… è successo di tutto!

ADAM: Ma va… che cazzo dici? E le donne libiche erano contente?

UKI: Dovevi vedere come lo erano i loro mariti! Ma vaffanculo va!

Le donne avevano i fucili puntati sulla testa, i soldati mi incitavano ad approfittarne… ma nonostante ero partito con tanta voglia di gnocca, ti giuro, in mezzo a tutti quei piselli dissennati non c’è stato verso di farmelo rizzare!

ADAM: Emh.. no, credo che di fronte ad uno stupro neanche a me funzionerebbe!

UKI: Il peggio è che poi.. quando i ribelli della Nato hanno finito di fare i loro porci comodi, i soldati hanno tagliato la gola a tutte le donne!

ADAM: Ma noo!! Guarda che in Tv non ho sentito dire nulla di tutto questo!

UKI: Ma la guerra in Libia è già passata in terza, quarta pagina! Adesso è il momento delle peggiori atrocità e nefandezze!

Le violenze sessuali sono azioni di guerra ordinarie nelle città in mano ai ribelli, secondo le parole dei rifugiati fanno parte di un’organizzata strategia militare.

ADAM: Queste cose accadono in ogni guerra da sempre! E poi ora va a capire chi dice la verità!

UKI: Chi saranno gli stupratori secondo te? I fedeli di Gheddafi imbottiti di Viagra o i ribelli della Nato?

ADAM: Secondo me entrambi. Sai.. la gnocca ha il potere di unire tutti!

UKI: Questo è indubbio! Comunque alcuni civili riferiscono che a Misurata i ribelli Nato entrano casa per casa chiedendo ai familiari se sono sostenitori della Nato, e se la risposta è no, li uccidono sul posto, se invece si dichiarano “neutrali”, le porte delle loro case vengono sbarrate e saldate, e gli abitanti lasciati morire di fame… in modo che tutti sappiano!

ADAM: Ma chi te le dice queste cose!

UKI: Io ero li… e poi le ha ben dichiarate anche Joanna Moriarty, che fa parte della delegazione d’indagine a livello globale in visita qualche settimana fa a Tripoli.

ADAM: Certamente il popolo libico ha il diritto di governarsi da solo..

UKI: Questa pappardella l’hai imparata al bar?

Intanto però gli attacchi continui dal cielo, a tutte le ore del giorno, hanno completamente distrutto le vite delle famiglie libiche. Non ci sono mai stati combattimenti a Tripoli e ora sono bombardati tutti i giorni.

ADAM: I civili, gente senza armi, vengono uccisi dai britannici e dalla Nato?

UKI: Già! I soldati proteggono solo i crociati armati dell’Est che si muovono come l’esercito che li arma.

ADAM: Ovviamente leggendo le risoluzioni delle Nazioni Unite non c’è alcuna menzione dei bombardamenti di civili innocenti. Non c’è nessuna menzione dell’assassinio delle legittime autorità libiche!

UKI: Ma che vuoi sapere tu! Cosa pensi di poter leggere te! Neanche la Cnn racconterà queste storie!

ADAM: Le solite menate sui soldati americani in guerra e cazzate varie!

UKI: É questione di avere se non altro dei dubbi, di scegliere a cosa credere.. ma anche soprattutto: come credere. Fatto sta che la settimana scorsa Press TV ha riportato che la Nato ha bombardato l’Università di Nasser a Tripoli. Sono morti anche dei studenti.

ADAM: Certo.. può succedere..

UKI: Come possono succedere le riunioni a Bruxelles e Vienna dei soci del cartello militarista che sta facendo la guerra alla Libia? C’erano anche i Paesi produttori di petrolio dell’Opec, più la Russia ed altre potenze energetiche… mancavi solo tu!

ADAM: Ma dai… ci risiamo con la solita solfa sulla guerra al petrolio!

UKI: Bè in Libia non crescono mica i fichi d’india! Il crollo delle esportazioni libiche è calata da 1milione e mezzo di barili alle 200mila attuali. Algeria, Iraq, Venezuela, Iran, Ecuador e Angola si sono tutte opposte alla richiesta dell’Arabia Saudita e delle petromonarchie satelliti.

ADAM: In effetti, con la crisi che investe l’economia occidentale continua a declinare la domanda energetica. A parte questo, il valore reale attuale -103 dollari- del barile di petrolio è inferiore ai 41 dollari di trent’anni fa: la svalutazione del dollaro è un dato sostanziale. Non un’opinione.

UKI: E così la Nato ribadisce che i bombardamenti non hanno più data di scadenza e proseguiranno “hasta la victoria”.

ADAM: Ma l’obiettivo dell’Onu non era l’instaurazione di una “zona di interdizione di volo”?

UKI: Si come no… e a Dicembre Babbo Natale porterà i regali a tutti gli orfanelli della Libia…

Ora Gheddafi deve andarsene, punto. Perciò ieri hanno bombardato la sede della Tv libica che secondo loro era un pericoloso centro dei servizi segreti, con annesse sale di tortura.

ADAM: E fra un po’ bombarderanno un importante ambasciata per sbaglio.. of course!

UKI: É probabile! Tra l’altro il Tribunale Penale Internazionale ha a sua volta reso noto che Gheddafi distribuisce grandi quantitativi di viagra ai suoi giovanissimi soldati per incentivare proprio gli stupri di massa.

ADAM: Ma non ti pare che quel viagra del giudice argentino Moreno assomigli troppo alle ampolle esibite pateticamente dal generale Colin Powel all’ONU, quando voleva portare le prove dell’esistenza delle armi di distruzione di massa in Iraq?

UKI: Non lo so… In ogni caso stanno dando credibilità ad un Tribunale che ancora non ha aperto un procedimento penale contro George Bush jr? Eppure hanno pubblicamente ammesso che le “armi di distruzione di massa” erano una balla mediatica.

ADAM: Eh ma anche la storia dell’ultima frontiera del turismo del sesso in Libia è una gran cazzata! Ma perché non te ne vai in Thailandia se vuoi un po’ di gnocca?

UKI: E chi ti ha mai detto che sono maschio!

 Fatale

 

Fonti:

http://dissidentvoice.org/2011/06/going-rogue-nato-war-crimes-in-Libia/

http://www.presstv.ir/detail/184425.html

 

Share Button
Written By
More from Andrea Fatale

Christiania e il prezzo della libertà!

La “città autogestita” compra l’indipendenza per sopravvivere!
Read More

8 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.