Dan Osman, l’uomo che sapeva volare

Il volo dell'Icaro californiano

L’11 Febbraio del ’63 nasceva un’atleta meraviglioso, difficile da comprendere agli occhi di un ‘normale’ essere umano e distintosi per aver stabilito nel 1998 il record di free-falling presso la Leaning Tower, parete situata nel parco nazionale dello YosemiteCalifornia e alta ben 700 metri;  uno spaccato di una storia che va oltre ogni immaginazione, suggestiva e impregnata di folle adrenalina: Dan Osman è stato l’ultimo Icaro.

Il suo stile di vita, semplice, anticonformista, essenziale, volto alla ricerca del limite e di quella libertà che tanto desiderava assaporare e che solo la scalata e la caduta libera potevano regalargli; cresciuto a pane e roccia, “Dano” possedeva straordinarie attitudini donategli dalla natura, grande senso dell’equilibrio, elasticità, una coordinazione fuori dal comune, il tutto condito da un pizzico di sana pazzia.
Divenne famoso praticando il free-soloing; era capace di risalire un muro di roccia alto circa 400 piedi in soli 4 minuti e 25 secondi utilizzando solamente  le proprie mani, senza alcun tipo di equipaggiamento che si potesse avvicinare a una corda, moschettone rinforzato o imbragatura di sicurezza.
La sua capacità di concentrazione e la totale consapevolezza nei propri mezzi permettevano di spingersi verso sfide mortali e fuori dalla portata di qualsiasi assennato scalatore.
Dopo essersi dedicato per vari anni al free-soloing, l’impavido Osman decise che era giunto il tempo di nuove emozioni, e all’alba del suo trentaduesimo compleanno, l’arrampicatore statunitense divenne il primo a cimentarsi nella caduta libera controllata, provocando come nessun altro la gravità..
Nessuno mai ha sfidato il vuoto in queste modalità, e così a furia di sfida… purtroppo la sfortuna può colpire in ogni momento, senza preavviso.
Morì il 23 novembre del ’98, dopo essere precipitato per circa 700 metri a causa della rottura di una corda di sicurezza, dinamica che ancora oggi risulta poco chiara; quella è stata l’ultima apparizione dell’Icaro californiano, l’ultimo balzo che ha liberato lo spirito incontrollabile e selvaggio del Re delle arrampicate.
La passione per la scalata a mani nude, il desiderio di toccare il cielo con un dito e di librarsi nel vuoto, la necessità di spingersi oltre il limite conosciuto, al di là di ogni nota dimensione.
Un uomo che ha vissuto la propria vita cambiando ripetutamente punto di vista, gestendo la propria passione al massimo delle sue capacità fisiche e mentali; morire senza rimpianti si può, basta diventare ciò che si vuole essere.

Andrea Della Momma

Share Button
Written By
More from ukizero

In vino veritas

Racconto breve...
Read More

11 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.