Con questa Sinistra…

Accuso la Sinistra per la mancanza di un progetto-programma fattibile che sia alternativo alla situazione attuale... e ne ipotizzo uno..

Con questa “Sinistra” non andremo mai da nessuna parte e siamo condannati all’asservimento vigliacco alla destra, lo dimostra il Governo ipotizzato dal “comunista” Enrico Letta.

Lo so bene, quello che sto dicendo potrebbe sembrare contraddire quanto ho affermato in altre occasioni -non temere la formazione di un Governo di larghe intese per giungere ad attuare le riforme di cui abbiamo urgente bisogno- ma non è così, ne sono ancora convinto.

Tuttavia, ciò di cui accuso la Sinistra è la mancanza di un progetto-programma fattibile che sia alternativo alla situazione attuale.

Ciò di cui è capace, e con lei i “personaggi” più o meno noti che sostengono di impersonarne la cultura e prospettiva di vita, è solo di abbandonarsi a folkloristiche e controproducenti demonizzazioni dell’avversario che non portano a nulla.  Lo abbiamo potuto vedere-sentire con il “premio Nobel” (?) Dario Fo che, invece di criticare l’operato e il Brunetta-pensiero, si è esibito in un dileggiamento del personaggio in questione deridendolo per la statura fisica, con la conseguenza di offrire il fianco della sinistra alla facile e scontata accusa non solo di razzismo, ma di carenza di pensiero. Sostenere che anche in passato la lotta politica sia avvenuta sulla presa in giro dell’avversario dal punto di vista fisico (vedi la gobba di Andreotti) è fuorviante ..è vero che ciò avveniva, ma a ricorrervi erano comici in occasione di esternazioni cabarettistiche di (comunque) dubbio buongusto, non di politici o sedicenti tali e l’impressione che se ne trae è che oltre alla risataccia non abbiano altro da dire-proporre. Ribattere poi che la volgarità gratuita e crassa sia una strategia usata anche dalla destra (vedi i commenti di Berlusconi sulla Bindi) non è una scusante, anzi è un’aggravante: in certi casi usare le stesse armi dell’avversario non solo è sbagliato ma è anche controproducente, soprattutto se poi, ai dati di fatto, in occasione delle tornate elettorali, non si è in grado di attirare consensi e si lascia spazio alla destra che, in modo quanto mai populistico, è capace di ipotizzare soluzioni irrealizzabili ma che fanno sognare. È sufficiente ascoltare i reportage che vengono trasmessi dalle varie reti televisive, anche quelle piccole, per rendersi conto della situazione di estremo disagio in cui versa gran parte del popolo italiano e di come possa cadere vittima di fantomatiche promesse irrealizzabili sbandierate dalla controparte.

 

Una sinistra che avesse le palle e il coraggio delle proprie azioni e idee (ammesso che le abbia) dovrebbe prendere il toro per le corna e non solo mettere in risalto come un’alternativa fattibile possa essere messa in atto solo con rinunce e l’abbandono di sogni di stampo popolar consumistico (vogliamo avere gli stessi soldi di Berlusconi) e prospettare quindi gli strumenti per giungere a una più equa distribuzione della ricchezza e del benessere nazionali.

 

Per non far la parte di chi dia solo fiato alla bocca e si adagia sull’autocompiacimento, mi limiterò ad abbozzare due ipotesi (banali) di programma alternativo per risolvere le questioni legate alla lotta dell’evasione fiscale e la tassazione sulla casa.

Lotta all’evasione fiscale

Il primo ostacolo da superare è il malcostume italiano di ritenere furbo chi evade le tasse.

Sicuramente una delle principali cause di questo atteggiamento è il livello troppo alto delle aliquote. Per abbassarle è necessario però non solo che le tasse vengano vissute come un giusto dare alla comunità per provvedere alle necessità e gestione della cosa pubblica, ma che tutti le paghino. Questo potrà essere ottenuto solo con un abbassamento delle aliquote che potrebbe essere applicato se qualsiasi transazione economica sarà tracciabile, quindi con la sostituzione della moneta corrente con denaro informatico (bancomat, cellulare, carte di credito prepagate, ecc…). È chiaro che un simile provvedimento potrà essere applicato in maniera progressiva e che necessita che siano riveduti e limitati i poteri delle banche.

A fronte di un tale mutamento si dovrebbe consentire poi la detrazione dal proprio reddito di qualsiasi spesa a prescindere dalla tipologia della attività svolta e, chiunque, avrebbe interesse a chiedere la ricevuta.

Da più parti si afferma che la tracciabilità delle spese equivale a sottoporre il cittadino medio a un controllo costante e mettergli le mani nelle tasche ..fuffa e falsità. Il cittadino medio è comunque sottoposto a un controllo costante da parte dell’erario (il suo contratto di lavoro è ufficiale) e a beneficiare dei pagamenti brevi sono solo i liberi professionisti. Inoltre, per risparmiare, l’eventuale cittadino medio non esita spesso a iscriversi a fantomatiche liste di consumatori, lasciando traccia su DB di ogni suo acquisto e, da buon sprovveduto, non collega a tale iscrizione il moltiplicarsi delle promozioni che lo raggiungono quotidianamente (msm, e-mail e posta ordinaria).  Allo stato attuale dire che la tracciabilità del denaro sia una violazione della privacy è solo un voler nascondere che ormai il nostro privato non esiste più, siamo monitorati costantemente in tutti i nostri spostamenti (cellulare, navigatore, tablet, telecamere di sorveglianz,a ecc…), e allora che questo “Grande Fratello” sia almeno utile e porti un poco di giustizia ..a non trarne beneficio saranno solo i grandi evasori che non potranno più agire impunemente. Se poi qualcuno vorrà tenere nascosti suoi acquisti vergognosi ..non c’è problema, una certa quantità di contante circolante ci sarà sempre.

Tassa sugli immobili

Che la tassa sugli immobili sia quella che irriti di più è un dato di fatto, ma è quella più difficile da evadere ed è da essa che gli EE.LL traggono l’introito con cui dovrebbero finanziare i servizi al cittadino. Non sto ad analizzare come vengano spesi i soldi (è una questione spinosa e sicuramente importante) ma voglio accennare una eventuale normativa di prelievo.

Partendo dall’assunto che il diritto alla casa sia basilare, tuttavia ritengo ingiusto e immorale che vengano ritenuti allo stesso livello (prima casa detassata) un attico di 200 mtq a piazza Navona e un bicamere di 70 mtq a Tor Bellamonaca. Nella mia prospettiva si dovrebbe detrarre dalla tassazione 50 mtq (quelli vitali per una sola persona) cui andrebbero aggiunti 16 mtq per ogni residente effettivo .. in caso di co-intestazione di due proprietari 2(25 mtq) + 2(8 mtq).

 

Va bene, ho “giocato” abbastanza.

Melog

Share Button
Written By
More from ukizero

CiaoYoga: è tempo di asana, pranayama e meditazione

Un sito riferimento sulla pratica Yoga con un'attenzione particolare verso tutte le...
Read More

10 Comments

  • cazzo! ovviamente lo avranno anche fatto in molte occasioni, ma non ho memoria di uno della sinistra che parli di queste iniziative pratiche

  • è ovvio che rivedere l'imu sulla base di una differenziazione di reddito, di mq e tra prima e seconda casa…è più che necessaria,oltreché ormai scontata, direi…

  • a me piacciono sempre i post di melog, ma comincio a non capire se c'è o ci fa..non nel senso dispregiativo ma nel senso ironico se cioè è cosciente di un certo "controllo" dispotico dall'alto oppure se lo sottovaluta. il fatto di dire che la moneta elettronica può andare tanto già ci controllano per altre vie traverse non lo condivido. proprio perché siamo già controllati da per tutto che non bisogna cedere ulteriori dispositivi per controllare,sopratutto quelli finanziari, e qui non aggiungo altro perché avete già capito.

  • in effetti, l'idea di non esagerare o caricare di falsità il solito complottismo giudaico-massonico, di per sè idea condivisibile, non deve però distogliere l'attenzione dalle intenzioni mondialiste di chi ci vuole controllare dall'europa fino alla Federal Reserve

    • una semplice questione di capitalismo direbbe melog… ma pur sempre fortemente presente e criminalmente intenzionale.

      • si, sono d'accordo. ci vuole un po' di sana e dura opposizione, anche se sposiamo l'idea di melog di combattere il sistema dall'interno

  • a volte penso alla politica come un cervello…. emisfero destro comanda la parte sinistra del corpo l'emisfero sinistro quella destra… il funzionamento sembrerebbe analogo !!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.