Cambio di Rotta: “Lady Marlene” è il singolo contro ogni ‘bluff’

Un video dalle atmosfere erotico parigine per riflettere su tutte le varietà di "inganni" in cui quotidianamente possiamo incappare

I Cambio di Rotta nascono nel 2011 dall’incontro tra il cantante Dado Capogna e il tastierista Antonio Conte a cui successivamente si sono uniti Francesco Schiavone alla chitarra, Fabio Semerano al basso e Marcello Saracino alla batteria.
Il loro genere mantiene i colori del Pop/Rock indipendente italiano e la band è stata tra i vincitori del Sounday Music Contest 2013, vincitori del Vetrine Inedite Ciccio Riccio 2013, vincitori del Music&Beer Contest 2013, premio menzione speciale Musica contro le Mafie 2013, e infine si sono aggiudicati anche il Premio i Postumi di Fred per il Premio Buscaglione 2013.

Il mese scorso è uscito “Bluff” (Digressione Music. Registrato presso il il PureRock Studio di Nanni Surace a Brindisi), il primo Ep ufficiale dei Cambio di Rotta (disponibile in digital download e su tutte le piattaforme streaming), giunge ndo quindi al tanto ricercato salto di qualità.

Da qualche settimane è uscito anche il videoclip del singolo “Lady Marlene“, prodotto dalla Springo Film (già vincitore del “Premio Roma Videoclip” e di due “Salento Cinema Music Video Awards”), scritto da Andrea Barba e diretto da Federico Mudoni. Ebbene, come moderni cantastorie i Cambio di Rotta si presentano con un singolo fatto di sonorità pop/folk e rock, accompagnandoci attraverso il videoclip nelle placide atmosfere parigine dei primi anni del ’900 fino a ritoccare quelle più frenetiche dei giorni nostri… tutti in panne dietro la sexy lingerie di Marlene (interpretata dall’attrice Serena Scarinzi), la più provocante e ambita donna di tutta Parigi, che i nostri trovano all’interno di una casa di appuntamenti mentre lavora solo per passione un po’ alla “bocca di rosa”.
E questa è solo l’introduzione a “Bluff“, che per la band pugliese intende appunto il concetto di “inganno”: una simulazione o un maschera, che a seconda della situazione in cui ci si ritrova si può imparare a distinguere. Esattamente questo ha voluto raccontare nel proprio concept-album la band, sottolineando, attraverso storie diverse, le varietà diinganni” in cui ci si può ritrovare quotidianamente.

«Il bluff che raccontiamo è non solo una mossa astuta -affermano i Cambio di Rotta- ma è anche una delusione o un’illusione nella cui trappola è facile cadere. Soprattutto è crudo e spietato, proprio come la vita di tutti i giorni. Ma il bluff non è l’unico argomento trattato nel nostro album dove parliamo anche di libertà, quella libertà mentale che permette di superare ogni barriera andando oltre banalità e pregiudizi».

E allora ecco tutti i bluff possibili di oggi, da quello synth-rock sugli sfruttati e sfruttatori nel mondo dei locali e delle band emergenti (“Io Voglio Suonare“); quello della libertà di espressione pur sempre ostracizzata (“Frank il Gonzo“); quello dal ritmo saltellante sull’ipocrisia rispetto alla lealtà sociale (“Bugiardo“) passando per quello dei potenti da sempre sfruttatori, dissimulatori e tendenziosi (“La Giungla dei Coatti“); per concludere con la ballata sul bluff supremo della morte di un nostro caro (“Un Minuto e poi“)…

Insomma, un gran bell’Ep, che si ascolta con piacere e si fa seguire con la giusta attenzione nei momenti clou sospesi tra un guizzante folk e la presa del miglior rock alternativo italiano.

.

.

 

Share Button
Written By
More from ukizero

Generazione Smartphone

Presto non esisterà più la cultura. La Wuss Generation si disabituerà dal...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.