IlMatteo: una canzone stronza per salvarci l’Animamia

Il nuovo singolo della band indie/rock romana anticipa l’uscita del prossimo EP della band previsto nel 2019, e lo fa ricordandoci lo scarto tra la fugace apparenza e l'ideale eterno dell'anima umana

Sono restati in silenzio per tanto, forse troppo tempo. Poi, come solo i grandi illusionisti, ecco la fiammata, il gioco di prestigio che non ti aspetti.
IlMatteo cacciano fuori un singolo moderno, d’impatto, al passo con i tempi ma senza diventare banale, come i tempi appunto richiedono un pezzo debba essere.
Animamia” è un artificio, inteso come fuoco, di notevoli dimensioni. Fa il botto insomma.
Perché è un pezzo stronzo. Sembra un pezzo dal tiro troppo modaiolo, troppo italiano. E invece non lo è.
Perché il testo è ironico, ma veritiero. Tanto irriverente da metterci la melodia da filastrocca all’interno di quello che potremmo definire un ritornello.
Tanto irriverente da avere molti punti che non ti aspetti in una canzone pop rock, ma da una “stronza” sì.
«Sei così contento di stare nel recinto da quando ti han convinto di esserne convinto» è la botta ancora più stronza che non ti aspetti, perché, come detto, è contenuta nel ritornello filastrocca e quindi ti obbliga a cantarla in continuazione, a trasformarla in mantra.
Ed è questo il succo della canzone, che trova nel video l’espressione completa del suo significato: siamo delle pecore spinte a comportarci come il mondo vuole, ora basta.
Per questo il video, di altissimo livello tecnico, parla di un baratto. Quello della propria identità in cambio di una di plastica, standardizzata.
Il videoclip del brano, realizzato da Senape Production per la regia di Gloria Giordani, vede la partecipazione di una guest star d’eccezione: Nick Luciani, per oltre vent’anni cantante dei Cugini di Campagna, in un inedito ruolo mefistofelico. Ed è qui che si realizza il gioco di prestigio di cui si parlava all’inizio.
Nick Luciani è il diavolo a cui vendere la propria anima, lui, proprio lui che ha cantato per anni quell’animamia che ben conosciamo. Il gioco di prestigio appunto, l’illusione, è ancora più forte se connotata di ironia, e anche sul piano visivo IlMatteo riescono a fare bingo con questa special guest.

Quindi ricapitolando: la canzone ha un tiro moderno, suona bene, anzi, diciamocela meglio, è figa.
Il testo è stronzo, IlMatteo fanno i bastardi come piacciono a noi, e quindi è figo pure questo.
Nel video si traduce tutto il significato della canzone in una sceneggiatura perfetta, dove Nick Luciani è il diavolo a cui puoi vendere l’anima. E questo è ancora più figo.
E poi diciamocelo pure, Matteo Mammucari, il leader e cantante della band, in questo video fa la rockstar dannata. Ed è figo pure lui.
Per cui non potete fare altro che vederlo, ascoltarlo e cantarlo.
Sopratutto in faccia a quelli che fanno il gregge intonandogli «Sei così contento di stare nel recinto da quando ti han convinto di esserne convinto».
Giusto per ricordargli che «Del torpore nel tuo cuore ci si nutre il tuo padrone».

Matteo Madafferi

Foto: Fabrizio Mariotti

.

IlMatteo:
Matteo Mammucari: voce, chitarra
Attilio Pampena: chitarre, cori
Michele Centofanti: basso
Michele Soldivieri: batteria, cori

 > FACEBOOK
INSTAGRAM

Share Button
More from Matteo Madafferi

Nicholas Ciuferri: “Alberi” e fosche narrazioni

Racconti che puntano dritto alle profondità dell'animo umano, dallo sguardo nitido, delicato...
Read More

8 Comments

  • il video e’ fantastico
    vedere il cantante dei cugini di campagna sotto queste vesti e’ uno spasso
    e bella canzone !

  • Bravissimo Matteo Mammucari. In diverse forme di scrittura. Doppio plauso. Video fighissimo. L’ ironia ha reso un dettaglio l’ idea gia’ abusata della trama, soprattutto la critica sociale riesce a essere incisiva. Il cantante dai capelli di campagna?? Fantastico!. Canzone e testo interessantissimo . Sono d’ accordo con Madaferi,fa Il botto!!!!!

  • IL BARATTO CON NICK LUCIANI E’ RISCHIOSO! :))) GRANDE VIDEO! MI PIACE L’ANALISI CHE NE FA MADAFFERI.
    MAMMUCARI SEMPRE UN GRANDE

Rispondi a LUDOVICO CRASTUS Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.